Sir Alex Ferguson è stato senz’ombra di dubbio uno dei migliori allenatori della storia, sia dal punto di vista dei risultati quanto nello scoprire e lanciare talenti.

Probabilmente il miglior giocatore lanciato da Ferguson è stato Cristiano Ronaldo, talento a cui il manager inglese ha dato piena fiducia sin dal suo arrivo a Manchester.

Lo storico preparatore dei portieri del suo staff Tony Coton ha parlato degli insegnamenti dati al giovane portoghese al Daily Mail, queste le sue parole: “Ferguson mostrò subito cosa pensasse di un Ronaldo ragazzino dandogli la numero 7, che allo United è iconica. La cosa più importante, però, fu l’abilità nel riconoscerne le debolezze. Uno dei difetti di CR7 era quello di cadere troppo spesso a terra, come una bambola di peluche. Ferguon intraprese una missione per renderlo più grintoso: i membri del suo staff furono incoraggiati a ignorare i falli sistematici che venivano commessi su di lui nelle partitelle in allenamento. Non era per niente un gioco, non si facevano prigionieri. Tanto che Ronaldo spesso non si rendeva conto di quale compagno lo avesse colpito. Quando non gli veniva fischiato il fallo, alzava le braccia al cielo e imprecava in portoghese. Era un amore difficile, ma pian piano il messaggio cominciò ad insinuarsi nella mente di Cristiano”.

Sul rapporto con gli altri giocatori ha poi aggiunto: “Trattava ogni giocatore allo stesso modo e nessuno aveva privilegi. Come allenatore dei portieri dello United tra il 1998 e il 2007 ho potuto osservare da vicino quanto Ferguson fosse calcolatore, promuovendo le cessioni di Beckham, Keane e Van Nistelrooy in un momento in cui chiunque altro li avrebbe considerati indispensabili. Ricordo una lite dopo la gara di FA Cup con l’Arsenal nel 2003, tra Beckham e Sir Alex. L’allenatore calciò una scarpetta che colpì di striscio il giocatore vicino l’occhio, facendolo anche sanguinare un po’. Neville e Giggs a fatica mantennero calmo il compagno di squadra, Ferguson si scusò ma David non ne volle sapere. I giornalisti vennero a conoscenza dell’incidente e da quel momento metteva in bella vista la ferita sul sopracciglio, in modo da mostrarla al mondo; capii che quella era stata una mossa architettata dagli esperti della comunicazione che lavoravano con lui, per incolpare Ferguson. L’allenatore era sempre disposto a sacrificare un giocatore stellare se sentiva che era necessario a mantenere il controllo: era il suo primo comandamento nel lavoro”.

APRI un CONTO con bet365 e RICEVI IL SUPERBONUS per i nuovi giocatori del 100%.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008