La partita di domenica tra Lazio e Juventus aprirà ufficialmente la stagione ed assegnerà il primo trofeo dell’annata sportiva, la Supercoppa Italiana.

Fabrizio Ravanelli, ex attaccante di entrambe le squadre, ha parlato della sfida dell’Olimpico di domenica e non solo in esclusiva ai nostri microfoni di Novantesimo.com.

Lei ha giocato in entrambe le squadre e conosce i due ambienti: quale vede favorita per la Supercoppa Italiana?

“Un pronostico è difficile da fare, sarà una partita aperta a qualsiasi risultato, dove la Lazio potrebbe sfruttare il vantaggio di giocare in casa, anche se nella finale di Coppa Italia e nell’ultimo scontro di campionato non è andata così. Sarà una partita indecisa perchè siamo ad inizio stagione e credo sia difficile stabilire chi è più avanti a livello di preparazione: è una partita da tripla.”

Chi potrebbe essere il giocatore decisivo?

“Nella Lazio sicuramente Milinkovic-Savic, Immobile, Keita e, se giocherà, Felipe Anderson: sono questi i giocatori che possono spostare gli equilibri per i biancocelesti. Per la Juventus invece saranno sempre i soliti: mi auguro allo stesso tempo che siano sia Higuain, Dybala e Mandzukic, sia che possa tornare a segnare un gol importante per ritrovare fiducia Marchisio.”

Come valuta il mercato bianconero? Cosa manca alla rosa a disposizione di Allegri?

“Credo che la Juventus ci regalerà ancora delle sorprese, i tifosi devono avere fiducia nella società perchè li ha abituati a delle annate ‘super’, sono 6 anni che continuano a vincere e quindi devono fidarsi del loro operato.”

La Lazio ha operato invece meno sul mercato: cosa pensa della strategia di Lotito?

“Al di là del mercato, la Lazio farà un gran campionato, perchè ha giocatori motivati, ragazzi che vogliono fare bene e mettersi in evidenza, un allenatore giovane che conosce bene il calcio ed una società che mette a disposizione sempre ottimi calciatori. Perciò sono convinto che anche quest’anno la Lazio farà una grande stagione. Se proprio dovessi suggerire un acquisto, credo dovrebbero prendere un centrocampista centrale dopo la partenza di Biglia.”

Keita Baldé potrebbe lasciare Roma entro la fine del mercato, magari per passare proprio alla Juventus: chi potrebbe essere il suo sostituto ideale?

“Non saprei, potrebbero puntare su qualche giovane o magari lanciare un ragazzo del settore giovanile, fiore all’occhiello della società.”

La Juventus ha deciso di affidare a Dybala la storica maglia numero 10: cosa pensa della decisione del club bianconero? É troppo presto per una maglia così ‘pesante’?

“Dipenderà da due fattori: da lui e dalla società. Credo che alla Juventus il numero 10 sia un numero speciale, ma credo che lui abbia dimostrato di avere grandi qualità e di meritarlo. Gli auguro di avere ancora più fame e di vincere ancora di più per diventare un punto di riferimento per la Juventus e per tutto il movimento calcistico mondiale.”

La Joya avrà più pressione addosso?

“Quando hai personalità la pressione ti scivola addosso, non la sentirà sicuramente”.

Si ringrazia Fabrio Ravanelli per la disponibilità concessa ai nostri microfoni.
APRI un CONTO con bet365 e RICEVI IL SUPERBONUS per i nuovi giocatori del 100%.

CONDIVIDI
Ragazzo del '99, amo il calcio, argomento di cui parlerei tutto il giorno se fosse possibile. Diplomato al Liceo Linguistico, attualmente studio Economia e Management ed il mio sogno, dopo aver viaggiato qualche anno all'estero, sarebbe lavorare e vivere quotidianamente nel mondo del pallone.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008