#EntellaPisa 2-0, nulla da fare per i toscani: l’Entella torna in campo e vince

lega-pro

È da poco terminata la sfida che ha visto affrontarsi Virtus Entella e Pisa, match valido per la 10° giornata del campionato di Lega Pro, girone A.

I liguri tornano ad affrontare una partita ufficiale dopo il lungo stop in attesa di sapere in quale campionato giocare, e lo fanno vittoriosamente, imponendosi per 2-0 contro la compagine toscana.

I padroni di casa, dato anche il lungo stop, sono carinissimi e si vede fin dalle prime battute. 

Dopo appena 2 minuti di gioco è vantaggio Entella: i biancocelesti, rubata un pallone insidioso a metà campo, partono veloci in contropiede con la corsa di Currarino, che con un passaggio preciso trova in mezzo all’area Mota Carvalho che deve solo appoggiare alle spalle di Gori.

Passano pochi istanti e l’Entella è di nuovo pericolosa grazie alla percussione sulla destra di Eramo, che saltati tre avversari entra in area e serve Diaw, prontamente anticipato da Brignani.

Il Pisa cerca di alzare il ritmo, ma non riesce a rendersi pericolosa. Dall’altra parte l’Entella non sembra dare segni di cedimento, creando altre occasioni da gol: sugli sviluppi di un calcio di punizione vicino alla bandierina, Nizzetto crossa trovando la testa di Belli, ma una prodezza di Giri evita il secondo gol dei padroni di casa.

Con il passare del tempo il Pisa cerca di alzare la testa, sfruttando anche una leggera flessione dell’Entella. 

I toscani riescono a farsi pericolosi in un paio di lezioni, trovando però sempre attento il portiere avversario.

Negli ultimi minuti di primo tempo i biancocelesti provano ad alzare il ritmo nuovamente, ma alcune imprecisioni portano le azioni a non preoccupare la difesa toscana.

Poco dopo l’inizio della seconda frazione di gioco, il Pisa protesta per il presunto calcio di rigore dopo un’uscita scomposta di Massolo, per l’arbitro Bitonti, tuttavia, non c’è niente e il gioco prosegue.

Dopo una fase pressoché senza grandi occasioni, la svolta arriva al 27’, quando l’arbitro assegna un calcio di rigore all’Entella: su un lungo lancio di Nizzetto, Gori sbaglia completamente l’uscita e travolge Diaw. 

È lo stesso attaccante biancoceleste a presentarsi sul dischetto dove non sbaglia, palla da una parte e portiere dall’altra e raddoppio Entella.

Dopo il secondo gol dei padroni di casa, il gioco diventa molto più aggressivo, con il nervosismo che la fa da padrone, specialmente fra le file toscane. 

Al 35’ della ripresa il Pisa resta in dieci uomini in seguito all’espulsione per rosso diretto di Liotti, il quale a gioco fermo ha colpito un avversario proprio davanti all’assistente di linea. 

L’espulsione segna virtualmente la fine della partita, con le due squadre che aspettano solo il triplice fischio finale senza provare ad affondare il colpo.

Di seguito le pagelle e il tabellino del match:

ENTELLA: Massolo 6; Belli 6 (dal 40’ st Martinho sv), Mota Carvalho 7,5 (dal 33’ st Ardizzone), Nizzetto 5,5, Currarino 6,5 (dal 30’ st Baroni sv), Benedetti 6, Pellizzer 6,5, Diaw 6,5 (dal 40’ st Caturano sv), Paolucci 6,5, Eramo 5,5 (dal 40’ st Icardi sv), Germoni 6. All.: Boscaglia.

PISA: Gori 5; Birindelli 5,5 (dal 22’ st Zammarini 5,5), Brignani 6, Di Quinzio 5,5 (dal 32’ st Cernigoi sv), Meroni 5,5, Marin 6, Liotti 4, Lisi 6, Masucci 5,5, Gucher 5 (dal 22’ st De Vitis 5), Marconi 5 (dal 36’ st Masi sv). All.: D’Angelo.

ARBITRO: Bitonti (sez. Bologna)

MARCATORI: 2’pt Mota Carvalho, 27’st Diaw (RIG) (VE)

AMMONITI: Erano, Ardizzone (VE)

ESPULSI: Liotti (PI)

NOTE: 1 minuto di recupero al termine del primo tempo, 5 minuti al termine del secondo.

TOP 90ESIMO – Mota Carvalho 7,5: Grande prestazione per l’attaccante dell’Entella. Dopo 2 minuti di gioco sblocca il risultato, crea molto, supporta il gioco e dirige tutta la fase offensiva.

FLOP 90ESIMO – Liotti 4: Partita da dimenticare per il centrocampista del Pisa. Molti errori in fase di impostazione e di difesa, spesso fuori dal gioco, chiude la sua partita in anticipo con un rosso diretto.

CONDIVIDI
Capo-redattore di Novantesimo.com. Cresciuto nel calcio di fine anni '90 e inizio 2000, l'amore per lo sport è scoccato fin da subito. La mia passione si divide tra calcio, economia e storia, che porto avanti con €uroGoal e Storie Di Calcio.