Entella, parla Calcagno: “Società modello. La costituzione garantisce lo sciopero”

Entella

Intervenuto a Radio Sportiva, il presidente dell’ Assocalciatori Umberto Calcagno ha rilasciato alcune dichiarazioni riguardanti il caso Entella

“L’Entella è una società modello che ha avuto tutte le vicissitudini che conoscete. È entrata in un circuito vizioso di tutti questi ricorsi che ci sono ancora in ballo. Mettiamoci anche nei panni di chi deve preparare il campionato: riuscire a ricaricarsi settimana dopo settimana e aver disputato una partita che potrebbe essere annullata non è semplice. È una situazione assurda, non si può non comprendere la situazione di questi ragazzi”.

SULLA SENTENZA DEL TAR E UNA POSSIBILE RIAMMISSIONE – “Sì, è anche vero che in passato la situazione commissariale ha certamente creato delle storture rispetto a quello che si faceva in precedenza. La situazione dell’Entella è di fatto un collegio di garanzia che l’ha riammessa al campionato di B. Ad oggi è una decisione che è valida e vigente. Se ci fosse stato un Consiglio Federale secondo me avrebbe riammesso la società di Chiavari. Bisogna capire dove si andrà a finire. In caso di pronuncia positiva una riflessione sarebbe d’obbligo. Vedremo nel pomeriggio come andrà l’incontro”.

SUL RAPPORTO TRA AIC ED ENTELLA – “Non abbiamo dei calciatori contro. Bisogna capire cosa è meglio fare. Tutti assieme dobbiamo rimanere vicini agli atleti, è una situazione inverosimile. C’è una posizione differente, la società riteneva giusto ricominciare a giocare. Ma non è facile preparare una gara, ci possono essere infortuni e squalifiche. Disputare qualcosa che può essere annullato fra due giorni non è semplice dal punto di vista della preparazione.”

SU POSSIBILI SANZIONI – “Il diritto allo sciopero è costituzionalmente garantito, nel caso ci dovessero essere delle sanzioni perché si sciopera sarebbe aberrante. Il Giudice sportivo può anche dare la partita persa a tavolino, ma l’Entella può difendersi. Spero che non ci sia uno scontro di giustizia sportiva. Valuteremo nel pomeriggio la cosa migliore da fare”.

CONDIVIDI
Vice Direttore Radio Frequenza Rossonerazzurra, Redattore Novantesimo.Com, Ex Direttore "L' Inter Siamo Noi"