L’Empoli di Vivarini ha esordito in campionato con un pari deludente a Terni.

L’allenatore dei toscani ha presentato oggi in conferenza stampa la sfida di domani contro il Bari, società tra le più attrezzate in Serie B. Queste le sue parole: “Veniamo da una settimana dove abbiamo lavorato bene, dove ho visto gli atteggiamenti giusti da parte della squadra. Tutto quello che possiamo fare per crescere lo stiamo facendo, poi per avere certi riscontri c’è bisogno di lavoro, di tempo per creare una squadra che abbia un pensiero unico e dove tutti pensano al bene della squadra”.

Sulla situazione in casa Empoli: “Per una squadra come noi che ha bisogno di lavoro sul campo, posso dire che finalmente la squadra è assettata e si pensa solo a giocare. Per l’Empoli è stato un mercato particolare, andando a rinnovare la squadra e facendo arrivare ragazzi di grande qualità e allo stesso tempo bravi ragazzi. Ma una rivoluzione simile l’avevo vissuta anche a Chieti, fino a dicembre avemmo dei problemi, poi vincemmo il campionato. A Teramo invece trovai un gruppo già collaudato ma in generale credo che ogni campionato ha una storia a sé e, come ho già detto, voglio che il prima possibile diventiamo una squadra con certezze e che sappia mettere in difficoltà tutti. E lo dico consapevole che ci sono tutti i presupporti per farlo e che adesso sta a me e ai calciatore tirar fuori il nostro potenziale. Empoli favorito? Spero che sia vero, è il nostro obiettivo. La realtà dice che siamo una delle squadre che ha cambiato di più e i valori sono ancora tutti ad vedere: possiamo prendere i giocatori più forti sul mercato poi la parola spetta al campo. E per far bene serve che questi giocatori diventino un collettivo importante: in questo momento è fondamentale avere la convinzione di essere una squadra di grande qualità e dobbiamo diventare anche un squadra solida e concreta esprimendo al meglio le nostre qualità. Questo è il momento dove dobbiamo crescere di più, mi aspetto massima concentrazione da parte dei ragazzi, miglioramenti sotto tutti i punti di vista. In ogni gara ci sono dei particolari e degli accorgimenti da curare. Noi abbiamo un nostro modo di giocare, ma in fase di non possesso si deve cercare di limitare gli avversari e in settimana abbiamo lavorato molto in questo senso, andando ad analizzare alcune loro partite. Domani ci troveremo di fronte un avversario di altissimo livello, a oggi secondo me una delle più attrezzate per far bene in campionato, con una rosa molto competitiva. Ma anche noi vogliamo fare la nostra parte e fin da domani voglio vedere una squadra con maggiori certezze”.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008