Empoli, Untersee: “Alla Juventus ero in camera con Pogba. Qui sono soddisfatto”

Il difensore dell’Empoli in prestito dalla Juventus, Joel Untersee ha rilasciato un’intervista a Tuttosport.

Il giovane esterno destro ha passato tutta la trafila delle giovanili della Juventus prima del prestito della scorsa stagione sempre in Serie B col Brescia e adesso è pronto a farsi notare con la maglia azzurra.

Ecco di seguito le sue dichiarazioni:  “Sono molto soddisfatto. Siamo all’inizio, ma già mi piace il club e il nostro modo di giocare. La società è ambiziosa e il nostro tecnico punta su un calcio molto propositivo”.

Nato e cresciuto in Sud Africa, a Johannesburg: I miei genitori hanno voluto fare un’esperienza di vita in Sud Africa, così siamo tornati in Svizzera quando avevo già 5 anni

Ad Empoli ha trovato il suo ruolo ideale: “Preferisco giocare esterno a tutta fascia, davanti a una difesa a tre, perché mi piace avanzare palla al piede, crossare ed essere coinvolto nella fase offensiva”.

Segue i suoi idoli per migliorarsi: “Cerco di prendere spunto da tanti calciatori, non soltanto dai terzini. Dani Alves e Cristiano Ronaldo, seppur diversissimi tra loro, sono i miei preferiti”.

Proprio Dani Alves è passato anche dalla Juventus. Che, magari, un giorno deciderà di riportarlo in bianconero: “Non ci penso, nel calcio tutto può cambiare in pochissimo tempo, è difficile programmare. Sono di proprietà dei bianconeri, ma sinceramente non ci penso più di tanto: nei miei pensieri adesso c’è l’Empoli. E poi, andare in prestito fa parte del mio destino, non mi posso lamentare: a me interessa soltanto migliorare ogni giorno per dimostrare quanto valgo”.

Andare a giocare in prestito, però, non è sempre così semplice: “Ai tempi del Vaduz ho vissuto un periodo difficile, mi infortunavo sempre. Non ho mollato e soprattutto l’idea di smettere e vanificare tutti i sacrifici fatti non mi è mai nemmeno venuta in mente.”

Ora, Untersee si gode la fascia del suo Empoli, con l’obiettivo di arrivare in alto. E se chiude gli occhi può ripensare a Vinovo… “Penso a Pirlo, Vidal, Pogba…. Mi godevo ogni minuto di quegli allenamenti, con Paul condividevo anche la stanza quando era appena arrivato, parlavamo inglese, scherzavamo tanto. Ogni giorno al fianco di campioni: e non era playstation, era tutto vero”.

CONDIVIDI
Di Catania, appassionato di calcio a livello internazionale ma interessato a tutti gli sport, passione per il giornalismo sportivo.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008