Ai microfoni della redazione di Tuttomercatoweb ha parlato Fabrizio Corsi, il presidente dell’Empoli viene dalla strabiliante vittoria collezionata a San Siro contro il Milan. Le sue parole hanno esaltato il momento della squadra toscana.

Ecco quanto detto dal numero uno del club: “Sono state due vittorie fantastiche, meritate e contro squadre forti e motivate. Ci siamo riscattati da un periodo di grande difficoltà. Credo che ci sia stato poco di diverso rispetto alle prestazioni offerte contro la Lazio e la Roma all’Olimpico. Gli episodi magari ci sono girati a favore e sopratutto è emerso uno spirito battagliero che a questi livelli non si era mai visto”.

Il vantaggio è tornato abbastanza rassicurante.
“Ma ancora non abbiamo fatto niente. La salvezza passa di gara in gara”.

L’Empoli si è risollevato anche grazie al rientro di Mchedlidze…
“Siamo cresciuti davanti. El Kaddouri è progredito molto. All’inizio ha pagato uno scotto perchè proveniva da un periodo in cui non aveva giocato molto. Ora la sua condizione psico-fisica è ottimale e ci sta aiutando tantissimo. Mchedlidze ci permette di sfruttare la prestanza fisica e anche la sua qualità, mentre Thiam mette fisico e volontà. E’ un giocatore che ad Empoli sta sfruttando la sua chance. Ci può dare una mano e può diventare un calciatore importante”.

Martusciello si sta guadagnando la conferma?
“Noi adesso pensiamo al presente. E’ quello che conta. Con il nostro allenatore c’è un rapporto di stima che abbiamo sempre mantenuto anche nei momenti di difficoltà. C’è sintonia e il suo è un lavoro di gran qualità in settimana. E se la squadra è cresciuta è anche grazie al lavoro settimanale. Per quanto riguarda il futuro ne parleremo a giugno tutti insieme”.

A proposito di allenatori, non le è leggermente dispiaciuto sconfiggere il suo grande amico Montella?
“Non mi preoccupo degli avversari, anche se a Vincenzo sono molto affezionato. Gli auguro di finire bene la stagione e di battere il Crotone domenica prossima… Mi fa comunque piacere che Sarri, Spalletti e Montella siano su tre delle cinque panchine più importanti d’Italia. Qualcosa di buono ad Empoli lo facciamo”.

CONDIVIDI
Classe 1997, studente di Culture Digitali e della Comunicazione presso l'Università Federico II di Napoli. Da sempre appassionato di calcio, con il sogno di diventare giornalista. Web content e Social Media Manager per il Napoli Calcio a 5.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008