Emergenza Covid19, che fine farà la Serie B?

In una situazione calcistica ancora da evolversi c’è già chi grida al complottismo e allo scandalo. E tutto ciò, nel bel mezzo dell’emergenza Coronavirus, risulta al quanto paradossale. Incredibile.

La ripartenza dei campionati di calcio

Ripartiranno i campionati? Mentre in Serie A c’è chi dichiara fortemente di voler riprendere il cammino verso la conclusione della stagione, in Serie B, invece, è ancora tutto da decidere. Come in ogni situazione di confusione ci sono divergenze riguardo l’analisi del momento: da un lato, quindi, si hanno squadre pronte a riprendere il campionato per decretare una conclusione ufficiale e non tramite atti di ufficio e, altre squadre, che vogliono concludere anticipatamente sia per paura che per interessi propri.

Il presidente del Frosinone, club in piena lotta per la promozione in Serie A, si è esposto a favore di una ripresa, analizzando anche tutte le possibili conseguenze derivate da tale scelta. Naturalmente se da un lato si evincono i possibili danni da Coronavirus, dall’altro ripartire con il campionato significherebbe dare una ingente boccata di ossigeno a tutti gli addetti ai lavori che si celano dietro questo sport.

Riprenderà il campionato di Serie B?

A rafforzare le discussioni di questi ultimo periodo sono le possibili soluzioni da mettere in atto per poter porre fine alla Serie B 2019-2020. Innanzitutto la ripresa concluderebbe il campionato in maniera equa decretando, così, promozioni e retrocessioni in virtù dei risultati ottenuti.

Sul tavolo delle decisione c’è anche quella di decretare la conclusione con la promozione delle prime due in classifica, ad oggi Benevento e Crotone, generando così una Serie A a 22 squadre. Possibile? Si, ma si garantirebbe un suicidio dal punto di vista sportivo.

L’errore più grosso, invece, si verificherebbe con l’annullamento del campionato: si renderebbe inutile l’impresa del Benevento, con un piede in Serie A già da gennaio, la lotta per la promozione tra le veterane Frosinone e Crotone e il mini-torneo relativo ai Play-off. Ma soprattutto, un annullamento del campionato creerebbe forti ripercussioni sul sistema relativo a promozioni e retrocessioni della Serie C, competizione ancora più complessa per via della presenza di 60 squadre e, molte di esse, con un bilancio non proprio roseo.

CONDIVIDI
Classe 1994, studia Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Sabino di nascita e napoletano di adozione, coltivo la passione per il calcio e per la scrittura tanto da analizzare tutto ciò che ruota intorno a tale sport. Obiettivi futuri? Descrivere un calcio che unisce e da speranza a tutte le persone, senza differenze tra colori e categorie.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008