È morto Luigi Necco, storico volto di 90° minuto

Si è spento questa mattina, nella sua Napoli, il giornalista sportivo Luigi Necco, storico volto di 90° minuto. Noto e amato dal calcio napoletano, che si ricorderà di lui per la passione con la quale si dedicava al proprio lavoro.

Ricordato anche per il suo coraggio, nel voler parlare a tutti i costi dell’incontro avvenuto tra il boss della camorra Raffaele Cutolo e il presidente dell’Avellino Antonio Sibilia, accompagnato dal calciatore brasiliano Juary. Racconto questo che gli costò molto, quando venne brutalmente gambizzato in un ristorante di Avellino, il 29 novembre 1981, da tre uomini inviati proprio da Cutolo stesso.

Tutto il calcio si stringe attorno a Necco, un’esempio per tutti i suoi colleghi, e anche noi di novantesimo esprimiamo le più sentite condoglianze alla famiglia.

CONDIVIDI
Nato nel 96' nella città "Superba per uomini e per mura" il destino mi ha concesso di innamorarmi del calcio, e quindi del Genoa. Grande appassionato di sport in generale, studio Giurisprudenza all'università di Genova e provo a raccontare il calcio, una parola alla volta, un'emozione dopo l'altra.