Da ex Napoli ha parlato Blerim Dzemaili, il centrocampista del Bologna ha parlato del suo passato e della scelta di Higuain. Ecco di seguito quanto evidenziato da Calciomercato.it nelle dichiarazioni dello svizzero rilasciate al portale Zwolf.

Ha esordito: “Bisogna averne esperienza per capire come funzioni il calcio a Napoli. I napoletani vivono solo per la squadra. Durante una gara come quella contro il Real, non avreste visto una sola macchina in strada. Erano tutti allo stadio o davanti al televisore”.

Sulla città: “E’ esagerato dire che non si può uscire di casa. Sai che farai più foto con i tifosi ma se non ti piace, non firmi. Forse una stella come Cavani aveva più difficoltà ma io uscivo per una passeggiata o un caffé tutte le volte che volevo. Problemi? Ti dicono cosa evitare, come ad esempio girare con un Rolex, dal momento che c’è gente che non ha un lavoro o soldi”.

Su Higuain: “E’ un grande giocatore e vuole vincere. Lo capisco, guardando la cosa dalla sua prospettiva. Il Napoli non è riuscito ad agguantare la Juventus e, a 29 anni, ha deciso così. Una scelta delicata, è un po’ come andare al Dortmund dallo Schalke 04. Credo l’avrebbe fatto il 95% dei calciatori, compreso me. La Juve è una delle più forti d’Europa. Se ti vuole, non devi esitare. Anche un tifoso probabilmente farebbe la stessa scelta, dovrebbe provare a immedesimarsi”.

Le polemiche passate tra te e Inler? “Inizialmente ho avuto qualche problema, poi sono andato avanti. A un certo punto però giocavamo titolari io e Behrami, con Inler in panchina. Il suo procuratore disse che Gokhan non era felice di giocare con noi. Lo conoscevo da dieci anni e rimasi deluso. Col tempo però abbiamo messo da parte l’episodio”.

Sulla carriera: “Dopo un grave infortunio ho continuato. Questo mi rende fiero. Ho firmato con club come Napoli e Galatasaray, giocando la Champions League. Non posso lamentarmi”.

Domanda di chiusura su una preferenza: “Miglior compagno? Marek Hamsik. E’ unico e fa la differenza. Difficile che sbagli un passaggio e per me è un esempio. Viene prima di Higuain e Cavani, l’ho sempre detto. Mi piacerebbe giocare come lui e, ora al Bologna, ho un ruolo del genere nel mio piccolo”.

CONDIVIDI
Pasquale Rosolino, 92 d'annata. Editore di Novantesimo.com. Troppo malato di calcio, se non sto scrivendo ne sto parlando e se non ne sto parlando? Sto sognando! Editor per Visit Naples.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008