Diritti tv, l’Antitrust apre due procedimenti contro Sky e DAZN

Continuano ad essere al centro di mille discussioni i diritti tv dell’attuale Serie A. Sky e DAZN fulcri del dibattito che si infittisce. L’Antitrust, infatti, ha aperto due procedimento contro Sky e DAZN.

Contro Sky: “in assenza di adeguate informazioni sui limiti dell’offerta relativi alle fasce orarie, potrebbe avere indotto i nuovi clienti ad assumere una decisione commerciale non consapevole”. Per i già abbonati al pacchetto calcio “potrebbe presentare profili di aggressività in quanto – a fronte di un significativo ridimensionamento del pacchetto in relazione al numero delle partite trasmesse e in assenza dell’informativa sulla possibilità di recedere dal contratto senza penali, costi di disattivazione e senza la restituzione degli sconti fruiti – il professionista avrebbe indotto tali soggetti a rinnovare l’abbonamento nell’erroneo convincimento che l’offerta non fosse mutata”. Inoltre Sky potrebbe aver violato l’articolo 65.

Contro DAZN per il “dove vuoi, quando vuoi” e per il “mese gratis”.  Tali comportamenti, conclude l’Antitrust, “potrebbero integrare distinte pratiche commerciali scorrette in violazione degli artt. 21, 24 e 25 del Codice del Consumo, presentando sia profili di ingannevolezza rispetto alle informazioni comunicate in merito alle caratteristiche tecniche di fruibilità del pacchetto e alle modalità di adesione all’offerta, che profili di aggressività, in quanto potrebbe aver esercitato un indebito condizionamento nei confronti dei consumatori”.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008