Davide Lippi, uno tra gli agenti di spicco nell’intero panorama del calcio italiano, che può vantare nella sua “scuderia” elementi come Spinazzola e Galano, ha parlato per i microfoni di Sky Sport di ciò che ci attende nella prossima sessione di mercato, e del clacio cinese, di cui può vantare un’ottima conoscenza: “Sicuramente nel mercato di gennaio e febbraio ci sarà qualcosa. È il mercato di riferimento per la Cina, come per noi quello estivo. Qualcosa accadrà anche quest’anno. Il governo ha inserito delle leggi che complicano i trasserimenti multimilionari, ad esempio ad un’acquisto superiore i sei milioni, va corrisposto una cifra pari ad un fondo per lo sviluppo del calcio in Cina“.

Su Spinazzola e Galano:Spinazzola? Il suo futuro è scritto, ci sono state delle situazioni particolari. La Juventus avrebbe voluto portarlo a casa, mentre l’Atalanta si è opposta. Lui si è messo a disposizione, come tutta l’Atalanta sta facendo una grande stagione. Pronto per la Juventus. Galano? Sono contento perché negli ultimi due o tre anni ha girovagato per la Serie B, quest’anno sta facendo bene e spero salga in Serie A. Si merita una categoria superiore, lavoreremo per questo“.

Lippi ha poi concluso il suo intervento con una riflessione sull’esclusione dell’Italia dal prossimo mondiale in Russia: “L’Italia fuori dai mondiali è stato un trauma, anche per mio padre. Lui è impegnato in un progetto di sviluppo del calcio cinese. È contento di aiutare questa federazione. Dispiace, siamo stati tristi. Speriamo che si utilizzi questo momento per cambiare le regole, gli attori e ringiovanire tutto. Dobbiamo ricominciare sapendo che l’Italia ha solo un mondiale in meno del Brasile, che la patria del calcio. Questo vuol dire che esiste la cultura calcistica“.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008