(ANSA) – BOLOGNA, 3 MAG – La sezione centrale di appello della Corte dei Conti ha ridotto i risarcimenti per arbitri, designatori e assistenti coinvolti in Calciopoli, condannati nel 2012 per il danno d’immagine.

Le somme peraltro dovranno essere versate al Coni e non alla Federcalcio, come stabilito invece in primo grado. I giudici hanno confermato le responsabilità amministrative per tutti tranne che per l’ex arbitro Paolo Bertini, assolto definitivamente. E hanno ridotto di almeno due terzi le 12 condanne: per gli ex designatori Paolo Bergamo e Pier Luigi Pairetto si passa da un milione e ottocentomila euro, rispettivamente a 333mila e 266mila euro; per l’ex vicepresidente Ficg Innocenzo Mazzini, da 700mila a 233mila; per l’ex presidente Aia Tullio Lanese da 500mila a 16mila, per gli ex arbitri Massimo De Santis e Tiziano Pieri, da 500mila e 150mila a 50mila e 33mila; fino ai 3.300 a cui è stato ridotto il risarcimento dovuto dall’ex assistente forlivese Fabrizio Babini, difeso dall’avvocato Fabio Chiarini.

CONDIVIDI
Campano di nascita e siciliano d'adozione, classe 93' e passato da terzino destro. Ho successivamente capito che rendo meglio da giornalista che come calciatore.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008