All’Ezio Scida di Crotone va in scena il match tra il Crotone di Nicola e l’Hellas Verona di Pecchia, valevole per la seconda giornata di andata del campionato di Serie A. L’arbitro designato per dirigere l’incontro tra le due squadre è Marco Guida della sezione di Torre Annunziata.

ANALISI DELLA PARTITA: Scende in campo dal primo minuto Mohamed Fares, schierato a sorpresa da Pecchia come punta centrale, decidendo quindi di far partire dalla panchina per la seconda volta consecutiva Giampaolo Pazzini. Partono meglio gli ospiti, che nei primi 10 minuti sono più propositivi rispetto ai padroni di casa, soprattutto grazie alle corsie esterne, dove Verdi e Cerci mettono non poco in difficoltà la retroguardia rossoblù. Dal 11′ minuto il Crotone comincia  a farsi vedere in avanti; Stoian riesce a servire Trotta in area, ma Souprayen lo ostacola e gli soffia la sfera sul più bello. Al 15′ Cerci ci prova con un insidioso mancino rasoterra, con il pallone che però termina sulla parte esterna della rete. Al 20′ Trotta prova a concludere dal limite dall’area, ma il suo tiro termina alto sulla traversa. Al 28′ grande occasione da gol sciupata da Budimir che  si fa parare un tiro da posizione ravvicinata da Nicolas. La squadra di Nicola continua a fare la partita, e al 41′ rischia di passare in vantaggio con una mezza girata di Ajeti, ma il tiro esce di poco a lato. Nei primi minuti del secondo tempo ripartono ancora forte i pitagorici, con uno scambio molto interessante al 47′ tra Trotta e Stoian, ma il rumeno pasticcia davanti a Nicolas non trovando la coordinazione. Al 55′ è ancora una volta Budimir ad essere pericoloso, che di testa sfiora il palo su cross da punizione di Mandragora. Al 63′ viene effettuato il primo cambio della partita da parte di Pecchia, che butta nella mischia Giampaolo Pazzini al posto di Alessio Cerci; al 68′ cambio anche tra le fila della compagine calabrese, con Oliver Kragl che subentra ad Adrian Stoian, apparso ancora lontano dalla migliore condizione. Al 71′ missile da fuori area di Barberis, ma il tiro si spegne di pochissimo a lato. Al minuto 73′ fuori Fares, dentro Mattia Valoti. Al 77′ esce uno zoppicante Faraoni per far spazio al giovane Crociata, appena prelevato dal Milan. Al 78′ l’Hellas effettua il suo ultimo cambio: fuori Buchel, dentro Zaccagni. All’ 82′ ultimo cambio anche per i padroni di casa, con Simy che sostituisce uno stanco Trotta. All’ 86′ Crotone ancora molto vicino al gol; traversa da 40 metri di Ajeti, che sfiora un eurogol che avrebbe fatto venir giù l’Ezio Scida. Dopo 4 minuti di recupero, termina con il risultato di 0-0, con un Crotone che ha sicuramente costruito molto di più rispetto alla squadra ospite, ma che non è stato in grado di sfruttare le occasioni da gol avute.

TABELLINO E PAGELLE

CROTONE (4-4-2): Cordaz 6; Sampirisi 5.5; Ajeti 7, Cabrera 6.5, Martella 6; Faraoni 5.5 (32′ st Crociata 5.5), Mandragora 6.5, Barberis 6, Stoian 5 (22′ st Kragl 5.5); Trotta 6 (82′ Simy sv), Budimir 5.5. Allenatore: Nicola.
VERONA (4-3-3): Nicolas 6.5; Romulo 6, Ferrari 5.5, Caceres 5.5, Souprayen 5.5; Bessa 6, Buchel (33′ st Zaccagni sv), Zuculini 5.5; Cerci 6 (17′ st Pazzini 5.5), Fares 5 (28′ st Valoti 6), Verde. Allenatore: Pecchia.

ARBITRO: Guida di Torre Annunziata.

NOTE: ammoniti Stoian; Fares, Bessa, Buchel

TOP 90ESIMO – AJETI 7 – Ottima prestazione del difensore prelevato durante questa sessione di mercato dal Torino; impeccabile in fase difensiva e anche pericoloso quando da 40 metri sfiora un gol che avrebbe consegnato la vittoria al Crotone.

FLOP 90ESIMO – FARES 5: tradisce la fiducia di Pecchia, che decide a sorpresa di schierarlo in attacco al posto di Pazzini; l’attaccante dell’Hellas sembra non essere sceso in campo, non riuscendo in nessun modo ad impensierire la retroguardia del Crotone.

 

 

CONDIVIDI