Luciano Spalletti, allenatore dell’Inter, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni ai microfoni di SkySport al termine di Crotone-Inter: ”

Ogni vittoria conta molto, ma una vittoria sporca, senza fluidità di manovra, ma arrivata in un momento difficile. Che vittoria è stata?

“Ha un significato importantissimo, siamo una squadra in costruzione e dobbiamo crearci mentalità solida, una mentalità che sa calarsi in una gara come quella di oggi, con un caldo forte a inizio gara, con i crampi, per loro e per noi. Se riusciamo ad adattarci a quanto c’è da fare è sintomo di crescita. Il secondo tempo poi abbiamo fatto una buona gara”.

-Perisic, che corda ha toccato per dargli continuità?

“Non tocco niente. Nel senso che le squadre che vogliono fare risultato si dividono pregi e difetti e si caricano le difficoltà dei compagni, i leader fanno così e lui è un leader, con i rientri che ha fatto, ha fatto cento metri di corsa, sono una roba importante. Servono ancora passi in avanti da fare e bisogna farli velocemente: Handanovic ci ha messo una pezza, ha saputo gestire un paio di situazioni che deve saper gestire perché lui è Handanovic”.

-L’Inter dà la sensazione di essere in campo mentalmente novanta minuti. Ti soddisfa?

“Sono d’accordo, la squadra è stata accesa fino al novantesimo. Loro sono bravi nei duelli e a buttare la palla dritto per dritto, sulla linea difensiva eravamo tre contro due ma non siamo mai riusciti ad andare in area, i terzini non volevamo alzarli per non prendere contropiede. C’era da stare in equilibrio ed essere reattivi in base a tutte le letture, lo abbiamo fatto: attendiamo il momento giusto, teniamo l’equilibrio, non concediamo spazio agli avversari, per farci gol dovranno essere bravi, in questo siamo cresciuti”.

-Cosa poteva fare di più Icardi?

“In profondità abbiamo giocato poco, abbiamo provato a costruire, dovevamo forzare lì, se poi gliela butti alle spalle della difesa e li fai correre in difesa, diventa un vantaggio e li metti in difficoltà. Quando pressano anche lui deve venire a metà strada perché farlo ti aiuta a trovare il giocatore libero indirettamente e si può entrare tra le linee. Difficilmente con loro si trovava spazio”.

-Odgaard ha segnato nel derby contro la Primavera: sta bruciando le tappe, se l’aspettava?

“Abbiamo creato già problemi alla Primavera, gli abbiamo preso Vanheusden che è un difensore importante per Stefano (Vecchi.ndr). Complimenti a lui, con il suo risultato e il nostro stiamo tranquilli per qualche giorno”. A riportare è FcInter1908.it.

CONDIVIDI
Classe 1998, studio Lettere Moderne. Da sempre dipendente dal calcio e dall'Inter.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008