#CR700, i cinque gol simbolo della carriera di un alieno

In un mondo pieno di dubbi e perplessità esistono delle certezze, una di queste è che qualsiasi record verrà spazzato via da Cristiano Ronaldo. Un uomo incontentabile, spietato e determinato a far suo tutto il possibile finché non deciderà un giorno di appendere gli scarpini al chiodo e consegnare alla storia del calcio la sua eredità ineguagliabile.

Prima di pensare al suo ultimo canto, godiamocelo ancora. Esaltiamolo. Perché a 34 anni ma con la voglia di giocare di un ragazzino ha toccato quota settecento reti in carriera, un numero mastodontico diviso tra Sporting Lisbona, Manchester United, Real Madrid, Juventus e naturalmente Portogallo.

Il colpo di testa al Luzniki di Mosca

Uno stacco aereo poderoso che non lascia scampo a Cech dopo un ottimo scambio nello stretto tra Scholes e Brown, culminato con l’assist mancino di quest’ultimo. Si tratta del suo primo gol in una finale di Champions League, torneo che presto si porterà a casa per cinque volte cominciando proprio da quel magica serata russa che rischiò di rovinarsi con il suo errore durante la lotteria dei rigori. Per sua fortuna (e quella del Manchester United) Terry scivolò, Van der Sar intuì il penalty decisivo di Anelka consegnando il trofeo ai Red Devils.

Cinquina all’Espanyol e superato Raul

Quando uno come Ronaldo non segna da un po’ di partite o non rende come ci si aspetta, gli avvoltoi della stampa e non solo si gettano immediatamente sul portoghese tirando fuori dichiarazioni scomode ed esagerate. Ma come spesso accade, i veri campioni rispondono sul campo. Cristiano Ronaldo non lo fa una volta, nemmeno due o tre ma addirittura cinque. Cinque reti in una sola partita contro i catalani dell’Espanyol che permettono al fenomeno lusitano di superare Raul nella classifica marcatori della storia del Real Madrid in campionato. Poco tempo dopo lo superò anche in assoluto, terminando la sua esperienza a Madrid con 450 centri contro i 323 di Raul.

Gol al Galles, finale e primo titolo portoghese

Europeo 2016, il Portogallo affronta il Galles per strappare un biglietto in vista della finalissima. Il risultato rimane invariato fino al 50′ quando su calcio d’angolo il solito Cristiano Ronaldo si solleva da terra e indirizza la palla alle spalle di Hennessey. Poco dopo arriverà il definitivo 2-0 di Nani che porta la nazionale portoghese in finale contro la Francia. Il resto è storia.

La rovesciata di Torino

Era il 3 aprile 2018 quando Juventus e Real Madrid si affrontavano per l’ennesima volta in Champions League. Pronti, via e dopo tre minuti Ronaldo brucia tutti in area e fissa il parziale sullo 0-1. Il meglio però deve ancora venire. Nel corso della ripresa CR7 si inventa un’opera d’arte, una rovesciata perfetta indescrivibile. Barzagli alza letteralmente le mani, Buffon guarda impietrito, il pubblico dell’Allianz Stadium si lascia andare ad un umanissimo applauso generale nonostante si tratti di un gol subito in casa in una doppia sfida, per la precisione quarti di finale, della coppa più prestigiosa. Ronaldo, dopo aver esultato con tutti i compagni, ringrazia i 41.000 presenti. Da lì nasce una storia d’amore con tanto di matrimonio il 10 luglio 2018 alle 18:50.

La prima impresa bianconera

La Juventus si appresta ad affrontare un pesante 2-0 subito al Wanda Metrpolitano dall’Atletico Madrid di Simeone. L’attesa per la gara di ritorno è un misto tra rassegnazione e speranza, pessimismo e ottimismo. C’è chi ci crede e chi ha già alzato bandiera bianca. Poi c’è chi ha deciso che quella sarebbe stata (tanto per cambiare) la sua serata. La stessa persona che aveva avvisato all’andata il pubblico dei Colchoneros con la mano aperta a testimonianza delle cinque Champions League vinte, due di esse proprio contro di loro. Due colpi di testa, uno al 27′ l’altro al 49′, che ripartano le reti in parità prima del rigore decisivo al minuto 86 che ribalta le sorti della partita. Tutti e tre firmati Cristiano Ronaldo, giusto per la cronaca.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008