Costacurta sulla sconfitta dell’Italia: “Se ieri ci fossero stati Mourinho o Guardiola non sarebbe cambiato molto”

Costacurta

Alessandro Costacurta, sub-commissario della FIGC, ha parlato in conferenza stampa la caduta dell’Italia contro l’Argentina. Queste le sue parole riportate da calciomercato.com:

Sulla partita: “Ho visto una gara all’altezza delle aspettative, in alcuni momenti sembrava che avremmo potuto vincerla. La cosa più importante era la prestazione, alla fine venivamo da un periodo in cui è successo di tutto”.

Sul prossimo allenatore della Nazionale: “Se ieri ci fossero stati Mourinho o Guardiola non sarebbe cambiato molto. Dobbiamo pensare ai giocatori che abbiamo a disposizione e non al ct Di Biagio. E’ una risorsa per la federazione, potrà essere l’allenatore dell’Italia o magari avere un ruolo nello staff tecnico.

Sicuramente il 20 maggio si saprà il nome del prossimo commissario. Di Biagio è bravo e non ce ne sono molti meglio di lui; se ci sarà la possibilità lo prenderemo. I nostri interventi sul calcio italiano si noteranno più in là, ma tra due settimane renderemo noto il programma di ciò che faremo e di ciò che abbiamo cominciato a fare”.

CONDIVIDI
"La maniera di andare a caccia è di poter cacciare tutta la vita, fino a che c’è questo o quell’animale [...] e quella di scrivere è sin che tu riesci a vivere e vi siano lapis e penna e carta e inchiostro o qualsiasi altro strumento per farlo, e qualcosa di cui ti importi scrivere, e tu senta che sarebbe stupido, che è stupido fare in qualsiasi altro modo" - Ernest Hemingway, Verdi colline d'Africa, 1935.