La Serie A si appresta a vivere un turno infrasettimanale molto intenso. Al netto di una gara, Lazio-Torino, che non è ancora sicura di essere disputata, gli appassionati vivranno tre giorni di assoluto divertimento a partire da domani fino ad arrivare ai titoli di coda di giovedì con la capolista Inter impegnata al Tardini di Parma.

A 24 ore dall’inizio della giornata, che sia con Lazio – Torino alle 18:30 o direttamente con Juventus – Spezia delle 20:45, viene da chiedersi che turno sarà. È ovvio che tra la teoria e la pratica effettiva c’è di mezzo una sfera che corre impazzita e 22 giocatori che giocano per un unico obiettivo: vincere.

Che turno infrasettimanale sarà?

Scorrendo quello che è il programma della giornata è lecito pensare che, al termine di essa, non vi siano grossi scossoni a quella che è la graduatoria attuale.

Inter e Milan cercano la conferma dopo le vittorie del fine settimana. I nerazzurri potranno sfruttare l’eventuale vantaggio di giocare dopo i cugini che saranno impegnati a San Siro contro l’Udinese, mercoledì sera. La sensazione è che la distanza tra le due possa rimanere invariata alle 23 di giovedì

Per le squadre che, ad oggi, sono impegnate nella corsa Champions l’infrasettimanale sarà vissuto sotto aspetti differenti ma allo stesso tempo simili. Juventus, Lazio e Roma cercano la rivalsa dopo un fine settimana non facile con le sconfitte per le due romane e il pareggio bianconero a Verona, in tal senso Spezia eventualmente Torino e la Fiorentina sono avvisate. Napoli e Atalanta invece cercano conferma dopo le vittorie ottenute con il medesimo risultato di 2/0. Se i nerazzurri bergamaschi ospiteranno il Crotone del quasi certo neotecnico Cosmi, gli azzurri di Gattuso avranno sfida di ben altro tenore contro il Sassuolo di De Zerbi che, venerdì scorso, ha riposato. Sassuolo-Napoli, sulla carta, può essere presentato come il match più interessante, da seguire, di questo infrasettimanale, al netto delle ambizioni di classifica delle grandi.

Il termine big-match delle sfide del mercoledì è associato quasi per inerzia al derby di Genoa. Se le ambizioni di classifica non sono di prestigio, la rivalità cittadina racchiude in sé tutto il significato di questa partita che nessuno vorrà perdere.

A chiudere il programma troviamo Cagliari-Bologna e Benevento-Verona: partite da 1×2 senza particolari ambizioni di classifica se non per i sardi che devono uscire dalle zone calde guidati da Semplici che ha già vinto la prima.

Turno infrasettimanale: turno di sorprese?

Che turno ci aspetta dunque? Un turno all’apparenza soft ma che può accendersi da un momento all’altro data la spettacolarità della Serie A che, specie in queste annate di covid, è sempre piena di clamorose contraddizioni

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008