#ChievoNapoli, Sarri: “Straordinari tatticamente. Oggi meno brillantezza”

Grazie ad una gara di grande applicazione da parte del Chievo, il Napoli non è riuscito a bucare la porta di Sorrentino, oggi autore di una bellissima prestazione.

La formazione azzurra, che pur ha tenuto sempre in mano il pallino del gioco, non è però riuscito a tramutare in gol le (poche) occasioni avute. La squadra è sembrata stanca, svuotata mentalmente e fisicamente dall’intensissimo match di Champions contro il Manchester City (oggi vittorioso per 3-1 contro l’Arsenal).

Il tecnico Maurizio Sarri, nonostante ciò, non è rimasto deluso dalla prestazione dei suoi, anzi: Non sono arrabbiato, non so cosa intendente voi per prestazione. Dal punto di vista tattico abbiamo fatto una gara straordinaria, senza concedere niente agli avversari e sempre corti. Siamo arrivati all’ultima gara di questo ciclo con meno brillantezza, oggi senza un guizzo individuale contro un Chievo così chiuso era difficile fare gol. Se poi una squadra si permette di tenere a terra cinque giocatori per cinque minuti non si fa un bel servizio allo spettacolo del calcio italiano. Il Chievo fa quello che deve fare, ma ci sono delle persone che non dovrebbe consentirlo. Non abbiamo pareggiato per questo, ma perché ci è mancato il colpo.
Mario Rui? Ha fatto bene, dopo sessanta minuti ha iniziato ad avvertire qualche difficoltà muscolare. Dal punto di vista del palleggio ci fa mancare poco, ma non ha la forza e la profondità di Ghoulam. In questo momento abbiamo lui e dobbiamo sperare torni al meglio.
Hamsik ha fatto fatica anche nelle stagioni scorse in alcune fasi, rispetto ad un mese fa lo vedo in crescita. Non è ancora quello del girone di ritorno dello scorso anno, gli manca ancora un pizzico di lucidità. Spero di rivederlo al top dopo la sosta. Oggi non è stato lui a mancare, ma gli attaccanti che oggi non hanno fatto quello che solitamente fanno. Siamo stati bravi a non concedere nulla alle ripartenza avversarie.
Fino al girone di andata dello scorso anno eravamo una squadra che se non giocava al 100% non vinceva le partite, in questo stiamo crescendo. Ci sarebbe il passo ulteriore, di vincere le partite dove non siamo brillantissimi. In questo momento l’assenza di due giocatori fisici come Ghoulam e Milik si fa sentire, sarebbero stati utili per scardinare questa difesa. Con quello che c’è a disposizione in questo momento serve maggiore scaltrezza per venire a capo anche di queste partite.
Non penso fossimo svuotati di testa dopo il City, giocare tutta la gara in trenta metri indica una squadra che sta bene di testa. Sicuramente il City per caratteristiche ti porta invece a sprecare tante energie sul piano fisico”.

Queste le sue parole ai microfoni di Premium Sport.

CONDIVIDI
Ho 22 anni e nella vita studio, per l'esattezza frequento la facoltà di Culture digitali e della Comunicazione alla Federico II di Napoli. Sogno di vivere un giorno grazie al giornalismo sportivo. Amo la musica e suono la chitarra da circa dieci anni. Redattore anche di IamNaples.it

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008