#ChievoJuventus – Allegri: “Vittoria che ci voleva, in alcuni momenti abbiamo abbassato troppo l’attenzione”

Allegri

Al termine della sfida con il Chievo Verona, vinta con inaspettata fatica, Massimiliano Allegri ha analizzato l’andamento della gara ai microfoni di Sky:

“Dopo il gol abbiamo abbassato un po’ l’attenzione nel passarsi la palla, nelle preventive, abbiamo lasciato crossare e difeso male in area. E’ stata comunque una bella vittoria, che ci voleva. Sappiamo le insidie che ci sono per rivincere lo scudetto, son solo sette giorni che lavoriamo tutti insieme. E’ importante portare punti a casa nelle prime due giornate. Ronaldo? Ha tenuto bene, tirato in porta tante volte. Ha lavorato bene con la squadra”.

Cancelo e Khedira troppo anarchici?

“Cancelo non è anarchico, Khedira non si può mettere in discussione. Il secondo è di spessore internazionale, ha fatto gol. E’ stato criticato tante volte, ma è uno di quei calciatori di cui si sente la mancanza quando non è in campo. Il portoghese ha fatto un buon primo tempo, poi dopo il rigore ha abbassato la testa: son cose che possono capitare e bisogna avere la giusta reazione”.

Prime partite per valutare: l’assenza di Higuain dà più libertà agli altri…

“Quando capita di fare due-tre gol, come oggi nel primo tempo, devi farli. Ronaldo e Dybala insieme non danno punti di riferimento, bisogna capire quando il primo attacca o meno. Mandzukic occupa l’area, dà possibilità a CR7 di spostarsi sull’esterno del campo. Cose molto positive, ma altre anche meno nella ripresa. Mi è piaciuta molto la squadra nella prima parte, bisogna non addormentarsi quando le cose vanno bene”.

Darai continuità a quanto Ronaldo faceva nel Real Madrid o pensi di sfruttarlo diversamente?

“Dipende dalle caratteristiche di chi gli gioca accanto. A volte si è mosso bene, ma non è stato imbeccato dai compagni, ha fatto anche tanti tiri in porta. E’ un calciatore diverso, si vede: si è calato con semplicità nella squadra e stasera era felice della vittoria”.

CONDIVIDI
Ragazzo del '99, amo il calcio, argomento di cui parlerei tutto il giorno se fosse possibile. Studio le lingue straniere, adoro la letteratura francese ed il mio sogno, dopo aver viaggiato qualche anno all'estero, sarebbe lavorare e vivere quotidianamente nel mondo del pallone.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008