La 18^ giornata di Serie A andrà in scena prima rispetto alla tabella di marcia tipica. Domenica, infatti, non ci saranno partite. Ecco allora che, tra gli anticipi c’è quello delle 18.00 Chievo-Bologna.

Entrambe le formazioni vengono da una sconfitta e non lasceranno nulla al caso. La partita, perciò, si preannuncia scoppiettante.

Tabellino e pagelle

CHIEVO (4-3-1-2): Sorrentino 5.0; Cacciatore 6.5, Gamberini 6.5, Tomovic 5.5, Jaroszynski 5.5; Bastien 6.0 (69′ Garritano 6.5), Radovanovic 5.5, Hetemaj 6.0 (83′ Stepinski s.v.); Birsa 6.5; Inglese 7.0, Pucciarelli 5.5 (62′ Pellissier 6.0). All.: Rolando Maran 6.0

BOLOGNA (4-3-3): Mirante 7.0; Mbaye 5.5 (72′ Torosidis 6.0), Gonzalez 5.5, Helander 7.0, Masina 6.5; Nagy 6.5, Pulgar, Poli 5.0; Verdi 7.0 (83′ Donsah s.v.), Destro 7.5, Krejci 5.0 (59′ Maietta 7.0). All.: Roberto Donadoni 6.0

PRIMO TEMPO – A sorpresa, ci pensa il Bologna a sbloccare il match dopo soli 4′ grazie a Destro, che mette dentro di testa un cross di Verdi. L’attaccante ex Roma e Milan sembra finalmente aver ritrovato se stesso e ricucito il rapporto coi tifosi. Rischio raddoppio per gli ospiti al 26′ con Krejci, il quale anche lui di testa gira verso la porta da distanza ravvicinata. Il tiro però è troppo debole e Sorrentino para in scioltezza. Al 31′ la reazione del Chievo è affidata a Cacciatore: il terzino impatta benissimo di testa un pallone crossato da un calcio d’angolo ed il pallone viaggia spedito verso la porta, ma un prodigioso intervento di Mirante evita il pari. Pareggio che, tuttavia, arriva pochissimo dopo. Sempre da corner, ma dal lato opposto, Birsa mette in mezzo e trova puntuale la testa di Inglese, che insacca e fa 1-1. A ridosso del duplice fischio occasione da entrambe le parti ad opera di Cacciatore prima e Verdi poi: bravi però da un lato Mirante e dall’altro Sorrentino. Si va così al riposo sul risultato in equilibrio.

SECONDO TEMPO – L’inizio ripresa è una vera e propria fotocopia! Di nuovo dopo 4′, al 49′, stavolta trova il gol Verdi, che si avventa come un falco sulla respinta di Sorrentino su un tiro di Masina da fuori e porta nuovamente in vantaggio il Bologna. La partita va avanti con questo risultato per quasi tutto il secondo tempo e gli uomini di Donadoni sembravano avere la partita in mano. Ma, proprio sul più bello, arriva la svolta. All’81’ Poli riceve il secondo giallo del match e viene espulso. Pochissimi minuti dopo, all’85’, arriva il gol del 2-2. A siglarlo è il solito Cacciatore, giocatore fondamentale per il Chievo, che dalla sua fascia di competenza rientra sul sinistro e fa partire uno splendido tiro a giro che si insacca sul secondo palo. Gol convalidato dal VAR, usato dall’arbitro per un presunto fuorigioco. Poi, però, quello che non t’aspetti: proprio Cacciatore scivola e regala palla a Destro, che glaciale davanti a Sorrentino gela il Bentegodi, che ormai pregustava già il pareggio. Ma non è finita qui! Il Chievo segna nuovamente il gol del pareggio ed ancora con Cacciatore, che raccoglie un colpo di testa di Tomovic stampatosi sulla traversa. L’arbitro però ferma tutto: è offside. Così, dopo svariati arrembaggi durante i 6′ minuti di recupero, l’arbitro Manganiello fischia la fine di una partita letteralmente infuocata nel finale.

MARCATORI: Destro (BOL) 4′; Inglese (CHI) 32′; Verdi (BOL) 49′; Cacciatore (CHI) 85′; Destro (BOL) 90′
AMMONITI: Poli (BOL), Jaroszynski (CHI), Tomovic (CHI), Garritano (CHI)
ESPULSI:
Poli (BOL)
TIRI (IN PORTA):
Chievo 21 (8) – Bologna 9 (5)
POSSESSO PALLA:
Chievo 51% – Bologna 49%
NOTE:
recupero p.t. 1′; recupero s.t. 6′
ARBITRO:
Gianluca Manganiello (sez. Pinerolo)
STADIO: 
Marcantonio Bentegodi

TOP 90 – Destro (Bologna)

Prestazione maiuscola dell’attaccante rossoblù, che sembra finalmente aver ritrovato se stesso. Porta i suoi in vantaggio dopo pochissimi minuti e si replica agli sgoccioli del match, grazie ad un regalo di Cacciatore. Gran bella serata per lui.

FLOP 90 – Tomovic (Chievo)

Il difensore clivense non ha certo disputato una prestazione memorabile. A parte il gol salvato sulla linea, subisce troppo le offensive degli attaccanti avversari.

CONDIVIDI
Ho 22 anni e nella vita studio, per l'esattezza frequento la facoltà di Culture digitali e della Comunicazione alla Federico II di Napoli. Sogno di vivere un giorno grazie al giornalismo sportivo. Amo la musica e suono la chitarra da circa dieci anni. Redattore anche di IamNaples.it