Chievo, Maran: “Ci aspetta un ciclo importante, domani sarà fondamentale l’approccio. Inglese? E’ un nostro calciatore”

Rolando Maran, tecnico del Chievo, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni in conferenza stampa presentato l’impegno in trasferta che attenderà i clivensi nella giornata di domani contro il Crotone: “Inizia un ciclo di quattro partite che sono importanti.

Qualcuno contro la Roma ci dava per spacciati e abbiamo conquistato un punto. Dobbiamo pensare partita per partita a cominciare dal Crotone, che può essere difficile perché l’approccio diventa fondamentale. Le insidie sono tante, ci sono tante motivazioni come ne abbiamo noi. Dovremo fare tesoro dell’esperienza dello scorso anno e essere pronti a mettere in campo la prestazione giusta per ottenere il risultato che vogliamo.

Credo che il Chievo abbia la capacità di andare in campo e fare la prestazione giusta. Ogni tanto capita di sbandare un po’, però la continuità l’abbiamo sempre avuta. Inglese? Io devo ascoltare il mio presidente. Al di là delle parole di De Laurentiis, lui è un giocatore del Chievo. Punto. Non ne parliamo proprio, c’è da correre e da fare le giuste prestazioni per la maglia e basta.

La gara di Crotone come partita più complicata per il modo di giocare del Chievo? Credo che una squadra debba avere la propria identità a prescidere dall’avversario. Occorre saper mettere in campo il proprio modo di interpretare il match. Dobbiamo essere bravi a leggere bene le situazioni per riportare a casa il risultato positivo.

Bastien e De Paoli? Se sono andati in campo è perché reputavo che fossero pronti per dare il loro contributo. Il loro obiettivo è quello di dimostrare i loro miglioramenti senza far rimpiangere gli assenti o chi va in panchina. Mi sono piaciuti anche perché non abbiamo avuto partite semplici.

Abbiamo analizzato gli errori e dobbiamo sapere che la crescita passa proprio da essi. Quanto vale un attacco senza Inglese? Non faccio queste considerazioni perché Inglese è un attaccante del Chievo. E’ cresciuto attraverso la squadra e i compagni. Credo che questo sia il frutto di tutta la squadra e personale. Dobbiamo continuare così senza pensare ad altro, come il mercato”. A riportare è la redazione di Tuttomercatoweb.

CONDIVIDI
Classe 1998, studio Lettere Moderne. Da sempre dipendente dal calcio e dall'Inter.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008