Chelsea, Morata: “Resterei qui altri dieci anni, ma in futuro vorrei tornare nel mio paese”

Alvaro Morata

L’attaccante del Chelsea Alvaro Morata, all’indomani dell’intervista rilasciata alle colonne de La Gazzetta dello Sport (LEGGI QUI) che hanno fatto storcere il naso a diversi sostenitori del club londinese, ha parlato tramite i canali ufficiali del club: “In quell’intervista parlavo del futuro, di quando finirò la mia carriera. Probabilmente non vorrò vivere a Londra, ma ora come ora io e mia moglie siamo davvero felici. In futuro, quando i miei figli dovranno andare a scuola e io avrò finito la carriera, vorrei tornare nel mio paese”.

Il centravanti dei Blues ha proseguito: “Quando dicevo che è una città stressante mi riferivo al traffico e al fatto che ci sono tante persone. Ma detto questo è una città incredibile con tante religioni e tante persone diverse fra loro. Me la sto godendo. Se il Chelsea mi avesse proposto un contratto di 10 anni io l’avrei firmato. Sono felice qua, se dovessi migliorare ancora probabilmente potrei restare per più di 5 anni. Ma prima devo segnare tanti gol, altrimenti il Chelsea comprerà un altro attaccante”.

Il classe 1992 ha concluso parlando della sfida di questa sera contro la Roma: “E’ sempre un piacere tornare in Italia. Amo questo paese, ma siamo qua per conquistare i tre punti. Per noi è una gara importante e daremo il 100%. Conte? Il nostro rapporto è ottimo, entrambi amiamo il lavoro duro. Tatticamente è uno dei migliori e io sono felice di lavorare con lui. Adesso sono in forma al 100%, nelle ultime sfide non ero al meglio ma ora sono migliorato”.

CONDIVIDI