Nel Gruppo A il Manchester United fa un sol boccone del CSKA Mosca, che dopo mezzora di gioco è già sotto di tre reti, con Lukaku che per due volte va in gol grazie ad assist di Martial, che tra i due gol del belga si riserva un rigore tutto per sé. Nella ripresa arriva poi il punto esclamativo di Mkhitaryan al 57′, il gol di Kuchaev al 90′ vale solo per chi ha giocato GOAL in schedina, peccato per chi ha fatto altrimenti (1-4). I red devils volano in testa da soli, sopra un Basilea che, a sorpresa, ne rifila cinque al povero Benfica: lusitani mai in partita, gli uomini di Wicky passano subito dopo 2 minuti con Lang, Oberlin raddoppia al 20, poi nella ripresa dilagano con un rigore di Van Wolfswinkel, il secondo gol di Oberlin e il 5-0 finale di Riveros. Benfica in 10 al 63′ per rosso diretto ad Almeida. Classifica: Manchester Utd 6, Basilea e CSKA Mosca 3, Benfica 0.

Uno dei big match di giornata è sicuramente nel Gruppo B, dove un PSG brillante e concreto ha la meglio sul Bayern Monaco per 3-0: Neymar serve l’assist per il vantaggio di Alves dopo appena 2 minuti, Cavani raddoppia alla mezzora grazie a Mbappé; nella ripresa Neymar si prende la scena calando il tris. Intanto, nella più “modesta” AnderlechtCeltic, gli scozzesi, con lo stesso risultato, liquidano i belgi grazie al gol di bomber Griffiths al 38′, un’autorete di Kara al 50′ e il tris di Sinclair in pieno recupero, con i biancoverdi che si prendono il terzo posto, lasciando a 0 la squadra di Frutos. Classifica: PSG 6, Bayern Monaco e Celtic 3, Anderlecht 0.

Nel Gruppo C, finale al cardiopalma al nuovissimo “Wanda Metropolitano” di Madrid, col Chelsea che riesce a strappare la vittoria al 94′ grazie a Batshuayi, prendendosi la vetta solitaria. In precedenza , l’Atletico era passato in vantaggio con un gol su rigore di Griezmann al 40′ (dopo un fallo di David Luiz) e Morata, dopo un’ora di gioco, ha fatto partire la rimonta, deviando in rete un cross al bacio di Hazard. A Baku (iniziata alle 18, ora italiana), un’opaca Roma torna a casa con i 3 punti in tasca contro il Qarabag, ma soffre le pene dell’inferno nel finale, dopo un avvio che sapeva di vittoria agevole, visti i gol di Manolas e Dzeko, rispettivamente dopo 7 e 15 minuti. Al 28′ Pedro Henrique accorcia le distanze, e sino alla fine è sofferenza per i giallorossi, che con i denti riescono a non farsi violare ulteriormente la porta (nel dettaglio: Qarabag – Roma). Classifica: Chelsea 6, Roma 4, Atl. Madrid 2, Qarabag 0.

Infine, il Barcellona comanda il Gruppo D dopo la vittoria di misura sullo Sporting Lisbona al “José Alvalade”. Decide un autogol di Coates al 49′. Blaugrana non irresistibili (complice l’assenza di Dembele per uno sfortunato infortunio che lo terrà lontano dai campi per un bel po’) che con lo 0-1 riescono a garantirsi i 3 punti che valgono la testa del girone. Nell’altra partita,  la Juventus sconfigge l’Olympiacos all'”Allianz Stadium” con 2 gol a ripresa inoltrata, grazie a Higuain e Mandzukic che battono la porta di Proto dopo 69 minuti di tiro a segno a senso unico (nel dettaglio: Juventus – Olympiacos). Classifica: Barcellona 6, Sporting L. e Juventus 3, Olympiacos 0.

 

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008