Cassano, certi amori non finiscono

Certi amori non finiscono
cassano gozzi entella

E’ il 1991. Uno degli artisti più iconici nella storia della canzone italiana, tale Antonio, in arte Antonello, Venditti, si riaffaccia alla musica a distanza di 3 anni dall’ultimo album in studio con Benvenuti in paradiso.

Delle otto tracce registrate, una in particolare è diventata un simbolo del moderno, frenetico, discusso, controverso calciomercato italiano.

«Questa sera non chiamarmi
No stasera devo uscire con lui
Lo sai non è possibile
Io lo vorrei ma poi
Mi viene voglia di piangere
Certi amori non finiscono
Fanno dei giri immensi
E poi ritornano
Amori indivisibili
Indissolubili
Inseparabili
»

Antonello Venditti – Amici mai

Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano“. Quante volte ci è capitato di sentire o leggere questa frase durante l’estate piuttosto che nella sessione invernale di mercato? Innumerevoli. E oggi anch’io voglio abusarne, ma non come sempre, bensì in maniera paradossale.

Difatti, questo passo della celebre canzone Amici mai viene usato in riferimento al ritorno di un giocatore a “casa”, la squadra in cui è nato o cresciuto, in cui ha giocato tanti anni, di cui è stato simbolo e leader. Il più tipico dei ritorni del figliol prodigo insomma.

Quello di cui vi parlo io non è nulla di tutto ciò. Non si tratta di un vero e proprio ritorno, non è la squadra in cui è nato o cresciuto, in cui ha giocato tanti anni o di cui è stato simbolo e leader.

Si tratta di amore. Amore calcistico. Quello fra Antonio Cassano, vera e totale definizione del termine fantasista mai totalmente esploso per sua stessa ammissione, e Antonio Gozzi, imprenditore dal 2007 presidente della squadra della sua città, la Virtus Entella.

Sarebbe il primo trasferimento di Cassano all’Entella?

E’ vero, Cassano a Chiavari ci ha giocato. Era tutto apparecchiato per il grande campione chiamato all’ultima impresa, portare una squadra come l’Entella a vette mai raggiunte.

Però a quel tavolo Antonio non si è seduto e dopo poco più di una settimana di allenamenti e amichevoli si sono lasciati.

Con il senno di poi nessuno dei due era pronto. L’Entella era in un lockdown forzato in attesa dei tribunali per capire in quale campionato avrebbe giocato, mentre Antonio veniva da un lungo stop dell’attività agonistica e non sembrava totalmente convinto.

Facciamo un salto in avanti di 18 mesi.

22 aprile. Ai microfoni di Casa Sky Sport, Antonio Cassano rilascia numerose dichiarazioni, fra cui una che colpisce particolarmente.

Se dovessi accettare un progetto in B o in C? Sarebbe solo per l’Entella. Nel calcio non ci sono persone come Gozzi, è un uomo straordinario e spero possa un giorno andare in Serie A“.

Passano pochi giorni e non tarda la risposta del presidente biancoceleste, che ieri sulle colonne de Il Secolo XIX ha così risposto alle avances di Cassano.

Antonio è un amico dell’Entella. Ci siamo sentiti, mi ha espresso questa sua voglia di tornare. […] Sa che qui la porta per lui è sempre aperta“.

Che Cassano abbia trovato la motivazione che gli era mancata in quell’autunno del 2018? Non lo sappiamo.

Ciò che invece possiamo sapere è che, ipotizzando una condizione fisica ottimale, Fantantonio potrebbe dare quel plus alla squadra di Boscaglia tale da poter lottare con grande convinzione almeno per i playoff.

D’altra parte fino alla forzata interruzione abbiamo assistito a uno dei campionati di Serie B più equilibrato degli ultimi anni, un torneo in cui una singola giocata può svoltare una partita, cosa che Cassano sa fare piuttosto bene.

I tifosi dell’Entella e non solo cullano il sogno Cassano

In un momento così incerto per la vita di tutti e anche per il calcio italiano, parlare di suggestioni simili, per quanto “piccole” se contestualizzate alla squadra, ma grandi per chi le vive direttamente, può piacere o meno.

Da appassionato, amante del calcio e ammiratore di storie simili, nel mio piccolo mi piacerebbe vedere, qualora si riuscisse a tornare in campo, Cassano e l’Entella lottare fianco a fianco per quel sogno chiamato Serie A.

Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano.

CONDIVIDI
Capo-redattore di Novantesimo.com. Cresciuto nel calcio di fine anni '90 e inizio 2000, l'amore per lo sport è scoccato fin da subito. La mia passione si divide tra calcio, economia e storia, che porto avanti con €uroGoal e Storie Di Calcio.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008