Caso Jankto, l’hotel risponde: “Calunnie gratuite, chiederemo i danni”

Continua a tenere banco il caso Jankto, dopo le dichiarazioni rilasciate ad un programma tv ciecoslovacco, dove il centrocampista dell’Udinese raccontava le condizioni dei due mesi di ritiro in questa stagione: “In questa stagione siamo stati più di due mesi in albergo, il peggiore di Udine, con bagni sporchi. E ci siamo sentiti come schiavi, non potevamo nemmeno vedere i figli e alcuni di noi erano costretti a prendere dei sonniferi per dormire”. 

Dichiarazioni pesanti, che hanno dato adito a critiche verso il giocatore, come quella dell’ l’Hotel Executive di Udine, dove risiedevano i bianconeri, che ha voluto rispondere in una nota rilasciata questa mattina:

“Preme innanzitutto smentire ogni aspetto calunnioso e fantasioso contenuto nella suddetta dichiarazione, con particolare riferimento alle illazioni sull’igiene. A riprova della inattendibilità di queste affermazioni si sottolinea come il nostro albergo sia da anni punto di riferimento per le società calcistiche, non solo locali, ma anche provenienti da altre regioni. Durante la stagione appena conclusa abbiamo ospitato le squadre Primavera di importanti club quali Lazio, Fiorentina, Roma ecc., nonché diverse squadre di serie A femminile come Juventus e Sassuolo. Quanto sopra per dimostrare una volta di più che la nostra struttura viene da tempo scelta e confermata da una vasta e qualificata clientela proprio per l’eccellenza e la puntualità nei servizi prestati (a meno di non voler postulare che tutte le società calcistiche sopra menzionate adottino le risibili finalità punitive di cui alla apodittica dichiarazione del sig. Jankto).

Tutto quanto sopra precisato, la scrivente, anche in ragione degli ottimi rapporti che intrattiene da anni con l’Udinese Calcio attende (e chiederà) una pronta presa di posizione anche della stessa Società sulla sopra riportata dichiarazione.

In ogni caso, stante la gravità, la falsità nonchè la gratuità ed estrema superficialità delle dichiarazioni sopra esposte, siamo a specificare che ci riserviamo fin d’ora di quantificare i danni arrecati alla struttura dal sig. Jankto e, pertanto, di perseguire e vedere riconosciuti i nostri diritti, non ultimo quello al buon nome ed alla onorabilità di tutti i dipendenti, in ogni sede giudiziaria.
”

Fonte: Tuttoudinese.it

CONDIVIDI
Nato nel 96' nella città "Superba per uomini e per mura" il destino mi ha concesso di innamorarmi del calcio, e quindi del Genoa. Grande appassionato di sport in generale, studio Giurisprudenza all'università di Genova e provo a raccontare il calcio, una parola alla volta, un'emozione dopo l'altra.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008