Cambiamenti non arrivati e aspettative inferiori: è un Parma senza grandi pretese

L’esonero di Roberto D’Aversa non aveva entusiasmato molto i tifosi del Parma, il tecnico ha lasciato la panchina emiliana probabilmente a causa di qualche divergenza con la nuova società e al suo posto è arrivato Fabio Liverani.

La stagione dei ducali sotto la nuova guida è partita in un modo che nessuno si sarebbe aspettato, in 4 partite è arrivata una sola vittoria e anche dal punto di vista qualitativo si è notato un grosso passo indietro rispetto alle scorse stagioni. Sconfitta pesante 4-1 a Bologna e subiti 3 gol dall’Udinese che ancora non aveva segnato alcuna rete in campionato, sono dati che devono allarmare Liverani chiamato a invertire immediatamente la rotta.

Poche pretese per il nuovo Parma

Dopo la storica promozione in Serie A il Parma ha ottenuto due salvezze tranquille, in campo la squadra interpretava bene le partite disputando così campionati dignitosi. Quest’anno la storia è diversa e le prime quattro giornate sono molto eloquenti. Il Parma probabilmente otterrà la salvezza perché i giocatori non mancano ma rimarrà tuttavia un campionato senza grandi pretese per la squadra di Liverani.

Bisogna sottolineare che la società non ha rinnovato particolarmente la rosa durante il periodo di calciomercato, come invece ci si sarebbe aspettato dopo l’addio di D’Aversa, offrendo a Liverani una rosa non propriamente adatta al tipo di calcio che vorrebbe proporre. L’esonero di D’Aversa è stato favorito da visioni diverse con la società per quanto riguarda le scelte da fare sul mercato, quali giocatori tenere e quali vendere. In ogni caso, l’unico cambiamento che è effettivamente avvenuto è stato quello in panchina.

Aspettative in ribasso

Liverani comunque ha bisogno di tempo e la società stessa dovrebbe essere consapevole che è impossibile pretende di replicare le stagioni passate. Il lavoro di Liverani deve essere giudicato e valutato in base alle aspettative e, realisticamente parlando, dopo quattro giornate verrebbe da dire che le ambizioni della squadra corrispondono ad una salvezza che si spera arrivi il prima possibile, senza però aspettarsi obiettivi e posizioni di classifica simili a quelli degli anni scorsi.

Non commettere errori con Liverani

A meno che la situazione non dovesse complicarsi terribilmente l’esonero di Liverani in questo momento pare una mossa che non comporti una soluzione, perché se la volontà del Parma era quella di cambiare l’avrebbe dovuto fare durante la sessione di mercato e per questo motivo la permanenza del tecnico rimane la scelta più saggia. A Lecce ha dimostrato di potersi giocare bene le sue carte, la sua squadra è retrocessa, è vero, ma considerato l’organico non particolarmente eccellente Liverani è riuscito a fare molto di più rispetto alle aspettative. I giocatori di cui dispone in questo momento probabilmente non erano quelli che pensava di avere al momento della firma, qualche problema a livello gestionale impedirà al Parma di disputare stagioni simili a quelle passate.

Un Parma che dunque dovrà lavorare per trovare una chiara identità e soprattutto fare punti nelle prossime partite in modo da guadagnare qualche punto di vantaggio rispetto alle dirette concorrenti. Il Parma voleva cambiare e rinnovarsi, non è accaduto e si sono fatti passi indietro rispetto ad anno scorso. Altro errore da non fare, almeno nell’immediato, è esonerare Liverani. Deve lavorare e dargli la fiducia per risollevare la squadra, sia moralmente ma anche dal punto di vista di gioco e di risultati.

Salvezza il grande obiettivo

Finché il Parma sarà dal diciassettesimo posto in su allora si può tirare un sospiro di sollievo, la stagione iniziata da poco ha subito messo le cose in chiaro. E’ impensabile ripetere i campionati passati, si deve pensare alle vere possibilità del Parma in questa stagione. Salvezza unico vero obiettivo e meno scontato rispetto alle scorse stagioni. I problemi che si stanno creando sono dovuti ad un mercato non all’altezza che di conseguenza non permettono di avere grandi pretese. Liverani proverà a risolverli e raggiungere la quota salvezza nel minor tempo possibile. Una volta raggiunta, se raggiunta, il Parma avrà centrato il suo obiettivo e la stagione potrà dichiararsi in linea con le aspettative. Sicuramente inferiori rispetto ai campionati precedenti.

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008