Calciomercato, Milan in bilico tra l’assalto a Ibra e il vincolo Uefa

Il Milan, che quest’anno sta facendo molto bene in campionato, con un quinto posto in classifica sudato, si ritrova a dover affrontare il problema degli infortuni.

Difatti, non sono pochi i calciatori che si ritrovano in infermeria, ed è per questo che in casa Milan vi è una vera e propria emergenza, che spinge Leonardo e Maldini  a cercare soluzioni sul mercato per consegnare a Gattuso una solida alternativa agli infortunati. E’ “Sportmediaset” a riassumere le vicende di calciomercato del Milan: Secondo quanto riportato, ci sono passi importanti sul fronte Ibrahimovic, con il quale si discute sulla durata del contratto, poichè l’attaccante chiede 6 milioni per 18 mesi, mentre il Milan vorrebbe cominciare con un contratto di 6 mesi con una opzione sull’anno successivo.

Molto più complessa è la questione a centrocampo: Il Milan punta forte su Paredes, ma trattare con lo Zenit non è facile, e l’esito finale dipenderà anche dalla volontà del calciatore. Nel frattempo, la società valuta anche diverse alternative, come il prestito di Denis Suarez o Arturo Vidal, entrambi militanti nel Barcellona. 

A complicare i progetti del Milan, c’è la Uefa, che potrebbe decidere di punire i rossoneri, oltre alla multa, con il blocco totale o parziale del mercato. Un vincolo da non sottovalutare, poichè complicherebbe ancora di più le trattative. Ma per ora, si attende ancora il responso definitivo della Uefa.

CONDIVIDI