Cagliari, Pavoletti: “Siamo felici, ora continuiamo e non accontentiamoci. Speravo in una chiamata di Mancini”

Dopo aver collezionato una vittoria, un pareggio ed una sconfitta in questo inizio di campionato, il Cagliari punta a fare ancora di più per arrivare il prima possibile alla salvezza. E’ questo, in sintesi, ciò che ha voluto far intendere Leonardo Pavoletti, bomber della squadra sarda e protagonista, recentemente, di un’intervista rilasciata ai microfoni di Sky Sport

L’ex Napoli e Genoa ha dichiarato che la squadra è felice e che sta attraversando un bel periodo, ma che non deve fermarsi o accontentarsi e deve continuare a macinare punti per, appunto, salvarsi e divertirsi giocando.

Successivamente, il 29enne ha parlato anche della mancata convocazione nella Nazionale Italiana in vista della Nations League, dicendo che sperava in una chiamata di Mancini ma che non è deluso.

Ecco, riportate di seguito, le parole di Pavoletti:

“Siamo felici, è un bel periodo. Dopo la sconfitta di Empoli volevamo una reazione mentale e mi sembra ci sia stata. Questa settimana rimetteremo la testa a posto e ci prepareremo bene al match col Milan. La mia stagione? Sono partito bene, ora serve continuare e non accontentarsi. Questa squadra merita di fare un campionato dignitoso, di salvarsi e di divertirsi. Poi se arriveranno i miei gol tanto meglio. La mancata convocazione in azzurro? Ci speravo, ma non sono deluso. Forse devo segnare ancora di più per convincere il ct. Io il re del colpo di testa? Mi sembra esagerato. E’ una delle doti che ho scoperto di avere con gli anni. Spero di segnare tanto quest’anno. Tutto passa dalla salvezza dello scorso anno, nel momento difficile ci siamo compattati. Secondo me è quello il primo mattone della nuova stagione”.


CONDIVIDI