Cagliari, Lopez: “Domani scontro salvezza, vogliamo i tre punti. Importante il recupero di Cigarini”

VERONA, ITALY - JANUARY 05: Cagliari Calcio manager Diego Lopez looks on before the Serie A match between AC Chievo Verona and Cagliari Calcio at Stadio Marc'Antonio Bentegodi on January 5, 2014 in Verona, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Tra questioni dirigenziali e panchina bollente, il Cagliari nella giornata di domani ospiterà l’Udinese, in un delicato scontro in ottica salvezza, viste soprattutto le tre sconfitte consecutive dei sardi e la classifica che si sta facendo sempre più pericolosa.

Diego Lopez, tecnico degli isolani, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni nel corso della consueta conferenza stampa della viglia presentando la sfida contro i friulani: “Il ritiro è stata una cosa voluta un po’ da tutti per stare insieme e cercare la massima concentrazione per questa partita importante.

Non c’è paura da parte nostra: vogliamo giocare a calcio, normale che a volte la situazione non ti permetta di farlo con la massima serenità. In momenti come questi bisogna aggrapparsi ai giocatori più esperti. Penso a elementi come Cigarini: recuperiamo un giocatore importante che detta i ritmi alla squadra; Cossu che, a 38 anni, è un esempio per serietà e partecipazione con la quale si allena.

Assieme al capitano Dessena, saranno i calciatori con più esperienza a indicare la strada ai più giovani. Affrontiamo domani una diretta concorrente, l’obiettivo dunque è chiaramente quello di conquistare i 3 punti. Giocheremo a casa nostra, davanti alla nostra gente, che ci chiede di fare di più di quanto fatto sinora.

Poi a volte, quando non riesci a vincere, anche un pareggio alla fine di una lotta salvezza può fare la differenza. Noi comunque vogliamo fare nostra la gara, ci siamo allenati molto bene questa settimana per arrivare al meglio all’appuntamento di domani”.

Sulla difesa da schierare: “I nostri difensori rendono molto difficili le mie scelte. Prendo ad esempio giocatori come Andreolli e Pisacane che, specie ultimamente, sono stati utilizzati meno degli altri, ma quando sono stati chiamati in causa hanno fatto benissimo. Stesso discorso per Romagna. Hanno tutti caratteristiche diverse e possono essere tranquillamente abbinati ad ogni tipo di attaccante”.

Sull’arrivo di Carli: “Dispiace sia andato via Giovanni Rossi, una persona leale, con la quale mi sono trovato bene, ma purtroppo nel calcio capitano queste cose. Ho incontrato martedì il nuovo Ds Marcello Carli, mi ha fatto subito una buona impressione.

È stato un incontro importante perché in quell’occasione sia il Presidente che il Direttore mi hanno confermato che sarà questo staff tecnico ad andare avanti sino alla fine con questa squadra. Abbiamo la convinzione che ci salveremo, tutti assieme”. A riportare è Tuttomercatoweb.

Guarda Anche...

CONDIVIDI
Classe 1998, studio Lettere Moderne. Napoletano di nascita ma fedele e viscerale interista dall'infanzia. La profonda passione per il calcio è una costante della mia vita. Amo la scrittura e le lingue straniere, in particolar modo lo spagnolo e il francese.