Si è disputata tra venerdì 21 aprile e domenica 23 aprile la 30esima giornata del campionato di Bundesliga 2016-17, arrivato ormai quasi alla fine (a sole 4 giornate dall’ultima) e che, in occasione del weekend ormai passato, ha culminato il 30esimo turno con Schalke 04 – Red Bull Lipsia.
In questi 3 giorni in cui si sono distribuite le varie partite è stato possibile assistere a match molto interessanti, che ci hanno regalato sorprese. andate maggiormente a discapito delle big del campionato, e, come sempre, tanti gol.

Le gare sono state introdotte dall’unico match giocato sabato e che ha visto contrapposte Colonia e Hoffenheim, sfidatesi alle ore 20.30 e che non sono andate oltre al pareggio per 1-1. La prima rete è stata segnata da Bittencourt, che ha portato i padroni di casa in vantaggio al 58esimo. Questi si sono però fatti raggiungere dagli uomini di Nagelsmann grazie ad un gol siglato da Demirbay poco prima del triplice fischio del giudice di gara, cosa che ha permesso agli ospiti di ottenere un punto prezioso che gli permette di stare dietro a Lipsia e Bayern Monaco.

Passiamo ora alle 6 gare del sabato, delle quali 5 disputate alle 15.30 e solo una alle 18.30.
Ad aprire le danze sono state Ingolstadt e Brema, squadre che sono poi arrivate al fischio finale con il risultato di 2-4. I penultimi in classifica sono riusciti ad andare in vantaggio per ben 2 volte (prima con Lezcano e poi con Gross su rigore dopo il gol di Kruse, sempre su rigore, per il Brema), ma si sono poi fatti rimontare dal Werder subendo altri 3 gol di Kruse, capace quindi di mettere a segno uno straordinario poker personale, con una tripletta segnata in meno di 10 minuti.
Questo match è stato poi seguito da Herta-Wolfsburg, finito 1 a 0 con gol di Ibisevic, e Amburgo-Darmstadt, terminato con il risultato di 1-2 con i gol di Sulu e Platte per i Gigli e l’autogol di Holland a favore dell’HSV.

Sono invece da analizzare in modo più approfondito Bayern Monaco-Magonza e Francoforte-Augusta, giocate sempre alle 15.30 e terminate, rispettivamente, 2-2 e 3-1.
Iniziamo parlando dei bavaresi, che contro gli 05 vanno in seria difficoltà e, frastornati ancora dall’eliminazione dalla Champions League arrivata contro il Real Madrid, non riescono mai a superare gli avversari. La squadra di Ancelotti va subito sotto, al terzo minuto, con il gol di Bojan Krkic, spagnolo che può essere dunque annoverato tra i pochi calciatori in grado di segnare nei 4 maggiori campionati europei (Liga, Serie A, Premier League e Bundesliga). Gli ospiti vengono raggiunti dai campioni in carica grazie al gol di Robben al 16esimo per poi andare di nuovo sotto a causa del rigore segnato da Brosinski allo scadere del primo tempo, arrivato dopo un’ingenuità commessa da Kimmich in area di rigore. I padroni di casa riescono poi a ritornare in parità al 73esimo grazie al gol di Thiago Alcantara, che però, insieme al resto della squadra, non riesce a fare di più per raggiungere il gol del vantaggio.
L’altro match, invece, ha visto le Aquile compiere un immenso sforzo per raggiungere la vittoria nel finale di partita dopo aver combattuto per 69 minuti col fine di ribaltare il gol di svantaggio che li metteva sotto nel risultato contro gli ospiti. Gli uomini di Baum, infatti, vanno in vantaggio al nono minuto con Gouweleeuw e ci rimangono per molto tempo, prima di farsi recuperare dagli avversari con 3 gol. Le marcature sono state di Fabian (doppietta) e Rebic, messe a segno tra il 78esimo ed il 91esimo.

L’ultimo match del sabato è stato Monchengladbach-Dortmund, molto sentito in terra tedesca e che, come sempre, ha dato tanto spettacolo.
I primi ad andare in vantaggio sono stati i gialloneri, che, grazie al rigore guadagnato da Pulisic dopo l’intervento di Dahoud, riescono a segnare dopo 10 minuti dall’avvio della gara grazie alla freddezza dal dischetto dell’ex di turno, ossia Marco Reus. Avviandoci verso la fine della prima frazione di gioco è possibile assistere al gol valevole per il pareggio, firmato da Stindl su assist di un generoso Hahn, che sfrutta un errore della retroguardia avversaria per mandare in gol il compagno.
Iniziato il secondo tempo, gli uomini di Tuchel vanno sotto a causa di un autogol causato da Schmelzer sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Dopo circa 10 minuti, però, ci pensa Aubameyang a mettere le cose a posto, sfruttando un ottimo passaggio di Dembele per andare a segnare il gol. La rete del vantaggio definitivo è stata poi segnata all’87esimo da Guerreirosu cross da calcio piazzato di Castro.

Domenica 23, invece, si sono giocate due partite: Friburgo-Leverkusen alle 15.30 e Schalke-Lipsia alle 17.30.
La prima gara ha visto un Friburgo appropriarsi della vittoria grazie ad un gol segnato all’88esimo da Stenzel, appena entrato. Il calciatore è stato in grado di riporta in vantaggio i suoi dopo il gol su rigore, segnato al 60′, di Volland, che aveva risposto ad un gol, siglato all’11esimo, di Petersen.
L’altra, invece, ha palesato le difficoltà dei secondi in classifica. Questi ultimi, infatti, sono andati in vantaggio al 14esimo grazie alla rete di Werner, ma si sono fatti recuperare dalla squadra di Gelsenkirchen con un gol di Huntelaar, segnato poco dopo l’inizio del secondo tempo, e non sono riusciti a ritrovare il ritmo giusto e, di conseguenza, il vantaggio.
Di seguito sono riportati tutti i risultati in esteso e la classifica aggiornata:

RISULTATI:
Colonia-Hoffenheim: 1-1
Hertha-Wolfsburg: 1-0
Francoforte-Augusta: 3-1
Amburgo-Darmstadt: 1-2
Bayern-Magonza: 2-2
Ingolstadt-Brema: 2-4
Mönchengladbach-Dortmund: 2-3
Friburgo-Leverkusen: 2-1
Schalke-Lipsia: 1-1

CLASSIFICA:
Bayern 70
Lispia 62
Dortmund 56
Hoffenheim 55
Herta 46
Friburgo 44
Brema 42
Colonia 41
Francoforte 41
Monchengladbach 39
Schalke 38
Leverkusen 36
Magonza 33
Wolfsburg 33
Amburgo 33
Augusta 32
Ingolstadt 28
Darmstadt 21

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008