#Bundes90 2017/18 – 25° giornata: poker del Bayern contro il Friburgo, Lipsia-Dortmund finisce in parità!

Diamo il benvenuto a tutti i lettori di Novantesimo.com ad un nuovo appuntamento con Bundes90, la rubrica settimanale che si occupa di riportare i risultati tutti i match della giornata di Bundesliga appena trascorsa ed analizzarli in modo approfondito. In questo appuntamento andremo a commentare ciò che è successo nei match che si sono disputati tra venerdì 2 e domenica 4 marzo e valevoli per la 25esima giornata della massima serie tedesca.

In questo weekend si è ritornati all’organizzazione precedente (un anticipo di venerdì, 6 partite di sabato e 2 di domenica) sono stati disputati incontri molto interessanti e che hanno tenuto gli appassionati del calcio tedesco incollati davanti alla TV per le solite emozioni e l’intrattenimento che riescono ad offrire. In evidenza c’è sicuramente il big match tra Lipsia e Dortmund, due dei team più importanti in Germania ed in piena lotta per il secondo posto, e anche i vari Wolfsburg-Leverkusen, Schalke-Herta e Friburgo-Bayern.

Iniziamo a parlare di questa giornata di campionato partendo dall’anticipo del venerdì sera, che questa volta è stato Monchengladbach-Brema.
La partita, terminata con il risultato di 2-2, è sembrata subito in discesa per i padroni di casa e nettamente in salita per il Werder, che ha subito due gol nel primo tempo che portano la firma di Zakaria al 5′ e di Moisander al 33′, con quest’ultimo che è stato autore di un autogol. Gli ospiti, però, non si sono fatti abbattere dal risultato di svantaggio ed hanno poi trovato, grazie ad un’ottima prestazione nel secondo tempo, le reti che hanno portato al pareggio ed al risultati finale di 2-2. I Puledri sono stati raggiunti dai gol di Delaney al 59′ e di Johannsson al 78′, che regalano alla propria squadra un punto importante per la corsa alla salvezza.

Passiamo subito alle partite del sabato e iniziamo parlando di Wolfsburg-Leverkusen e Schalke-Herta, incontri finiti con i rispettivi risultati di 1-2 e 1-0.
Il primo incontro ha visto le Aspirine trionfare dopo 90 minuti di gioco molto intensi ed aggressivi, cosa testimoniata anche dall’elevatissimo numero di cartellini gialli per il Wolfsburg ed il cartellino rosso assegnato a William al 93′. Gli ospiti hanno ottenuto la vittoria grazie ai gol di Alario al 31′ (su rigore) e di Brandt al 78′. Nella loro aggressività, i Lupi hanno comunque provato a rimettere in piedi la partita e sono riusciti a dimezzare lo svantaggio al 79′ con il gol di Mehmedi. Tutte le speranze sono state però abbandonate a causa della stessa espulsione di William, che ha tagliato le gambe al morale dei calciatori, convinti di poter pareggiare a pochi minuti dal termine.
Il secondo incontro ha visto, invece, le due squadre disputare una prestazione alquanto scialba ed al di sotto delle aspettative, cosa che rende il match, in linee generali, abbastanza equilibrato. A fare la differenza sono state le qualità dei singoli, con il club di Gelsenkirchen che ha potuto sfruttare la qualità e l’intesa della propria rosa per superare gli avversari, cosa resa possibile dal gol segnato al 37′ dal croato ex Juventus Marko Pjaca.

Continuiamo con le sfide del sabato parlando di Francoforte-Hannover e Augusta-Hoffenheim, terminate con gli score di 1-0 e 0-2.
La prima partita ci ha permesso di assistere ad una grande prestazione dell’Eintracht, che ha ottenuto i tre punti della vittoria giocando al meglio delle sue possibilità sia in attacco che in difesa. Infatti, la squadra di casa ha trovato il vantaggio al 39′, dopo diversi tentativi, grazie alla rete di da Costa, che porta i suoi sul risultato di vantaggio di 1-0 che verrà poi protetto per il resto dei minuti di gioco con una buona fase difensiva, la quale blocca diverse delle occasioni da gol dell’Hannover, non in grado di segnare e costretto ad incassare la sconfitta.
La seconda partita ha rispettato le aspettative ed ha visto l’Hoffenheim trionfare sull’Augusta con due reti segnate a cavallo dell’intervallo. Infatti, la squadra di Nagelsmann è andata prima in vantaggio al 30′ con Kramaric ed ha poi raddoppiato il gap con il gol di Gnabry al 50′. L’Augusta ha creato diverse chance in fase offensiva, ma non è riuscito a sfruttare e/o concretizzare nessuna di queste, tornando a casa con le tasche vuote.

Terminiamo con i match del sabato parlando di Amburgo-Magonza e Lipsia-Dortmund, entrambi incontri molto interessanti, soprattutto nel caso del secondo.
La prima è stata una partita nettamente dominata dai padroni di casa, che si sono imposti nel possesso palla e sono riusciti a concludere molto di più in porta, senza però trovare il gol. Infatti, il match, che è stato anche molto confuso, è terminato con il risultato di 0-0, con quest’ultimo che sarebbe diventato diverso nel caso in cui Kostic avesse trasformato correttamente il rigore assegnato al 62′, cosa che però non è successa. Da evidenziare anche l’espulsione di Balogun al 61′, episodio che costringe gli ospiti a chiudersi ancora di più in difesa per respingere le ripetute offensive avversarie, che non sono andate a segno ed hanno portato il risultato a non variare dallo 0-0 iniziale.
L’altro match, che non ha bisogno di anticipazioni, ha deluso un po’ le aspettative di tutti gli spettatori, che si aspettavano sicuramente più spettacolo e più gol oltre che un risultato diverso dal pareggio che poi è arrivato. Infatti, lo score finale è stato quello di 1-1, maturato con le reti di Augustin al 29′ per i Tori Rossi e di Reus al 38′ per i gialloneri. Le due squadre in campo, nonché due big del campionato, si sono equivalse da tutti i punti di vista, cosa che si è rispecchiata chiaramente nel risultato finale.

Concludiamo questo appuntamento con Bundes90 analizzando le due partite della domenica, che sono Colonia-Stoccarda e Friburgo-Bayern.
La prima disputa è stata molto interessante ed è stata caratterizzata dai 5 gol complessivi messi a segno dai calciatori. I primi ad andare in vantaggio sono stati, inaspettatamente, i padroni di casa, con il gol al 7′ di Pizarro. Gli Svevi sono poi riusciti a raggiungere ed a superare i Caproni nei minuti finali del primo tempo grazie ad una doppietta lampo di Mario Gomez, ex Fiorentina che porta in vantaggio a suoi a pochi secondi dal rientro nello spogliatoio. Gli ospiti sono poi riusciti ad ampliare ulteriormente il vantaggio con il gol di Beck al 57′, seguito dalla risposta, che si è rivelata però inutile ed insufficiente, dei padroni di casa all’ 86′ con Jojic.
La seconda disputa, invece, ha visto i bavaresi, come da pronostico, asfaltare i bianconeri, surclassati dagli uomini di Heynckes con un poker di marcature. Le danze si sono aperte al 25′ con l’autogol di Schwolow, seguito dalla rete di Tolisso tre minuti dopo. A completare il quartetto di gol ci hanno pensato poi Wagner al 54′ e Muller al 69′, che arrotondano il risultato ad una cifra pari e fanno sì che la squadra avanzi sempre di più in classifica e si avvicini ancora di più ad un titolo che sembra ormai già assegnato.

Di seguito sono riportati tutti i risultati in esteso e la classifica aggiornata:

RISULTATI:
Monchengladbach-Brema: 2-2
Wolfsburg-Leverkusen: 1-2
Schalke-Herta: 1-0
Francoforte-Hannover 1-0
Augusta-Hoffenheim: 0-2
Amburgo-Magonza: 0-0
Lipsia-Dortmund: 1-1
Colonia-Stoccarda: 2-3
Friburgo-Bayern: 0-4

CLASSIFICA:
Bayern 63
Schalke 43
Dortmund 42
Francoforte 42
Leverkusen 41
Lipsia 39
Hoffenheim 35
Monchengladbach 35
Stoccarda 33
Augusta 32
Hannover 32
Herta 31
Friburgo 29
Brema 27
Wolfsburg 25
Magonza 25
Amburgo 18
Colonia 17

A cura di: Giuseppe Carrera

CONDIVIDI