(ANSA) – MILANO, 13 SET – “Voi pensate che sia un passo indietro invece è un passo avanti. Almeno ci siamo resi conto che dobbiamo trovare una unione di intenti. Il commissario non è un male, può essere anche un’aspirina.

Fermo restando che non gli sarà permesso di snaturare e portare in Lega politiche non attinenti al calcio”: lo dice Massimo Cellino, presidente del Brescia, rispondendo ai giornalisti all’uscita della Lega Serie B dopo che non è stato raggiunto il numero legale nella Assemblea elettiva convocata oggi. “La Lega ha capito che deve reagire.

Tempistiche? Penso che prima di Natale ? aggiunge Cellino – si possa fare tutto e anche bene. Oggi eleggere un presidente non sarebbe stato un passo avanti, sarebbe stato un compromesso. In Italia abbiamo avuto successo nel calcio quando abbiamo lasciato la politica fuori dal calcio. Oggi abbiamo la politica all’interno del calcio. Perciò ci stiamo adeguando a fare un mestiere che non sappiamo fare”.

CONDIVIDI
Campano di nascita e siciliano d'adozione, classe 93' e passato da terzino destro. Ho successivamente capito che rendo meglio da giornalista che come calciatore.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008