Bologna, Inzaghi: “Non è una settimana chiave per il mio futuro, ho sempre superato i periodi difficili”

inzaghi

La pesante sconfitta sul campo della Sampdoria inizia a mettere pressione a Filippo Inzaghi, che potrebbe dire addio al Bologna qualora non dovessero arrivare risultati positivi nell’ultimo mese. Intanto la società ha deciso di mandare la squadra in ritiro.

L’allenatore emiliano ha parlato del suo futuro nella conferenza stampa di vigilia della sfida di Coppa Italia contro il Crotone:

“Non credo che questa sia la settimana chiave per il futuro: siamo ad una gara di Coppa Italia contro la Juventus e a due punti dalla salvezza. Ho avuto diversi periodi difficili nella mia carriera, tutti superati: sono sereno, dobbiamo lavorare e vincere. La squadra lotta e si impegna, i ragazzi hanno avuto delle disattenzioni ma sono convinto della mia idee e della squadra. Non reputo giusto questo disfattismo: il momento è negativo, dobbiamo credere in quello che facciamo, con poche parole e tanti fatti. Sono felice di aver scelto il Bologna, chiedo solo ai tifosi di starci vicini se possono, perché i giocatori necessitano del loro supporto. Nulla è ancora compromesso, dobbiamo ripartire. Ritiro? La società ha optato per questa decisione e ci andremo, dobbiamo osservare gli errori fatti e svoltare, stare tutti assieme può servire. Al momento penso alla gara di domani, da mercoledì al resto”.

Concludendo, Inzaghi si è soffermato sui temi della sfida:

“E’ una sfida molto importante, dobbiamo assolutamente vincere e fare una buona prestazione: sono felice di giocare subito e dimostrare di che pasta siamo fatti. Non farò turnover, per me non ci sono riserve e chi sinora ha avuto meno spazio domani dovrà dimostrarmi che ho sbagliato”

CONDIVIDI
Ragazzo del '99, amo il calcio, argomento di cui parlerei tutto il giorno se fosse possibile. Studio le lingue straniere, adoro la letteratura francese ed il mio sogno, dopo aver viaggiato qualche anno all'estero, sarebbe lavorare e vivere quotidianamente nel mondo del pallone.