#BeneventoVerona 3-0 – Diabaté mattatore, Hellas assente: tabellino e pagelle

Allo stadio Ciro Vigorito di Benevento va in scena il recupero della 27esima giornata di Serie A TIM tra i padroni di casa giallorossi e l’Hellas Verona di Fabio Pecchia. Gli ospiti non racimolano punti dal 28 gennaio e sono a serio rischio retrocessione, occupando la penultima posizione a 22 punti, a 12 distanze dal Benevento ultimo. De Zerbi, nonostante le buone prestazioni contro Lazio e Cagliari, non vince dal 3-2 dello scontro diretto contro il Crotone e ha bisogno di un miracolo per salvare le Streghe: arriva a questo match senza Puggioni (squalificato), ma con un Iemmello in più, schierato nell’attacco a due con Diabatè. Dall’altro lato del campo Pecchia, anche lui orfano del portiere titolare Nicolas, schiera Silvestri tra i pali e un centrocampo a quattro, dove Verde scala rispetto alla linea offensiva, occupata da Valoti e Cerci.

ANALISI DEL MATCH

Partenza col botto della squadra di casa che si vede respinte dall’esordiente Silvestri le conclusioni di Del Pinto (4′) e Djimsiti (6′). Ancora protagonista il portiere gialloblu all’11esimo minuto, quando Iemmello stacca perfettamente su cross dalla bandierina di Viola, non trovando il gol proprio grazie all’estremo difensore ospite. Per oltre 20 minuti gioca soltanto il Benevento, con la formazione di Pecchia che trova la prima occasione al 24′: Cerci a tu per tu con Brignoli mette in mezzo, dove non c’è nessuno a ribadire in rete. Un minuto dopo arriva il meritato vantaggio casalingo: coast-to-coast di Letizia che si accentra al limite dell’area e silura Silvestri con un destro a giro per l’1-0 giallorosso. Iemmello potrebbe raddoppiare in due circostanze, ma sulla prima (34′) Silvestri si oppone senza troppi problemi, mentre sulla seconda (42′) l’ex Sassuolo sciupa col sinistro.

Al rientro dagli spogliatoi il nuovo entrato Petkovic (che ha sostituito Valoti), servito da Cerci, scarica in rete, ma Doveri ferma tutto per fuorigioco. Silvestri ancora decisivo su Diabate, che con potenza aveva calciato verso la porta ospite, trovando una grande risposta del classe ’91. L’estremo difensore ospite salva ancora i suoi prima su Diabate nell’1 contro 1, poi su Letizia e Iemmello, ma non può nulla quando al 66′, sugli sviluppi di un corner, Diabate trova la traversa di testa, con la palla che supera la linea già prima del tocco di Iemmello: due a zero dei padroni di casa. Raddoppia il maliano al minuto 83: Guilherme serve sulla destra Brignola, che appoggia col destro a Diabate per il 3-0 del Benevento. Fischio finale che arriva dopo due minuti di recupero: quarta vittoria in stagione per i giallorossi, che accorciano le distanze sul Verona penultimo e salgono a 13 punti.

BENEVENTO (4-4-2):
 Brignoli 6; Venuti 6.5, Djimsiti 6, Tosca 6, Letizia 7; Brignola 7 (87′ Volpicelli sv), Del Pinto 6.5, Viola 6.5, Djuricic 7 (79′ D’alessandro sv) ; Iemmello 6.5 (72′ Guilherme 6.5), Diabaté 7.5. A disp.: Candeloro, Rutjens, Gyamfi, Billong, Costa, Sagna, Cataldi, Sandro, Lombardi, Coda, . All.: De Zerbi.

HELLAS VERONA (4-4-2): Silvestri 7: Ferrari 5.5, Caracciolo 5, Vukovic 5.5, Souprayen 5.5; Romulo 5.5, Calvano sv (27′ Felicioli 5), Buchel 5, Verde 5; Valoti 5 (45′ Petkovic 5.5), Cerci 4.5 (67′ Fossati 5). A disp.: Coppola, Borghetto, Kumbulla, Bianchetti, Bearzotti, Zuculini, Aarons, Lee, Tupta  All.: Pecchia.

Arbitro: Doveri (sez. Roma 1)

Marcatori: 25′ Letizia, 66′, 83′ Diabaté

Ammoniti: 45′ Del Pinto, 52′ Buchel, 52′ Letizia, 68′ Felicioli

TOP 90ESIMO – Diabaté 7.5: terzo gol in quattro partite, prima doppietta in Serie A e tanta voglia di fare.

FLOP 90ESIMO – Cerci 4.5: ancora a secco di gol nel 2018. Un fantasma che Pecchia decide di togliere dopo un’ora: il Cerci apprezzato a Torino sembra distante decenni.

CONDIVIDI
Guardo e studio il calcio da 20 anni con gli occhi di un bambino che vede Ronaldinho in azione per la prima volta.