Intervistato da OttoPagine, il presidente del Benevento, Oreste Vigorito ha chiarito la posizione del suo club e del mercato che sta portando avanti, togliendosi qualche sassolino dalla scarpa.

Sulle difficoltà circa il tesseramento di Guilherme: Problemi per Guilherme? Assolutamente falso, è partita la richiesta di tesseramento. Non ci sono problemi, questa società, poco organizzata come dicono, sta lavorando su mercato internazionale. Il transfer di Billong è arrivato in meno di 24 ore. Dicevano che questa società non era degna della Serie A. Possiamo difettare in inesperienza, ma sicuramente non siamo disorganizzati. Non ci siamo lanciati sul mercato estero per una forma di amore nei confronti del non italiano. Il nostro mercato è complicato e non riusciamo a convincere i giocatori a venire al Benevento. E allora abbiamo messo su in pochi mesi un grosso gruppo di osservatori e scout. Quindi non stiamo andando alla ricerca alla cieca, ma puntiamo a giocatori che ci vengono segnalati e che hanno dato la loro disponibilità. Si tratta di atleti che vengono in Italia sfruttando la passerella con la speranza di salvare il Benevento perchè è quello che gli abbiamo chiesto. Ma non dovesse succedere, devono puntare a questa esperienza, a fare bene, per strappare un nuovo contratto in Italia. Vengono per un motivo commerciale“.

Il Presidente ha chiarito anche la situazione di Ciciretti, commentando l’interesse del Napoli: Ciciretti? Si parla e si parlerà molto. Negli ultimi tempi è diventato un discorso domenicale. Ciciretti era un giocatore del Benevento, è stato contattato da noi per un contratto e ci ha riferito che bisognava riparlarne più avanti e non in quel periodo e Vigorito ha aspettato. Mi è arrivata la notifica doverosa dal Napoli che avrebbe preso contatto col giocatore e la società, se questa comunicazione viene fatta nei termini di gennaio, non ha potere contrattuale. Io aspetto che le voci che parlano del trasferimento mi dicano un bel giorno che cosa avrei potuto fare o cosa dovrei fare. Ciciretti o il suo procuratore staranno trattando. Se dovessero chiedermi a gennaio, in quel momento vedremo qual è la situazione. Probabilmente chiederemo una cifra, oppure chiederemo un calciatore. Ciciretti, francamente, è l’ultimo problema in una squadra che deve cambiare sei o sette giocatori.“.

CONDIVIDI