L’attaccante del Benevento Amato Ciciretti è intervenuto ai microfoni di Centro Suono Sport: “Se ce lo avessero detto ad inizio stagione, nessuno a Benevento ci avrebbe creduto. Già il salto dalla Lega Pro alla serie B dello scorso anno era stata accolta come una grande impresa. La città è impazzita di gioia. Benevento è una città piccola, ma c’è una grande passione per il calcio. Mi ci trovo molto bene, anche perché sono a due passi da casa mia, a Roma. Noi romani, inizialmente, veniamo accolti con diffidenza. Ci classificano come coatti. Poi, però, siamo i primi a farci volere bene. Così, è accaduto a me a Benevento. Amato di nome e di fatto”.

Il classe 1993 ha proseguito parlando del suo futuro: “Penso che resterò anche la prossima stagione a Benevento, dato che ho ancora un anno di contratto. Poi, se dovesse chiamare qualche grande club, si faranno le opportune valutazione con la società. Il mio sogno? Tornare a Roma. Sono romano e tifoso della Roma. Se da Trigoria mi chiamassero, parlerei subito con il mio presidente. Lui già lo sa. Non ci penserei due volte a ritornare a casa. Tutta la mia famiglia, del resto, è giallorossa. Faccio anch’io un fioretto: se si realizza il sogno, faccio la strada Benevento-Roma a piedi!”.

Il fantasista ha concluso parlando di Francesco Totti: “È il mio idolo. Sono cresciuto guardando le sue giocate. Lui è inimitabile. Si può solo ammirare. Ho visto la sua ultima partita mentre ero in viaggio – riporta VoceGiallorossa – verso il ritiro per la partita di Perugia. Piangevo e mi asciugavo le lacrime con le tendine del pullman. Sono nato nel 1993, quando Totti debuttava in serie A; giocherò in serie A l’anno in cui lui smette di giocare. Che stano il destino…”.

CONDIVIDI
Classe '97, studente di Economia. Amante del calcio e delle sue sfaccettature a tutto tondo.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008