Belgio, Nainggolan sull’esclusione: “Abbiamo avuto una relazione difficile fin dall’inizio”

Il giocatore della Roma, Radja Nainggolan, ha parlato ai microfoni di Gert Late Night, tornando a parlare anche della sua esclusione della lista per il Mondiale in Russia da parte del CT del Belgio.

Queste le sue parole riportate da Calciomercato.com: “Martinez mi avrebbe lasciato a casa solo per motivi tattici? Credo che il campionato italiano sia la competizione più tattica di tutte.  La realtà è che abbiamo avuto una relazione difficile fin dall’inizio. Per me deve essere importante la prestazione sul campo e non lo stile di vita. Se volessi essere un esempio per i giovani, adesso farei l’insegnante o l’educatore. Vincere è la cosa più importante per me”

Qual è la visione del calcio moderno per Nainggolan?: “Amo il calcio, mi diverto sempre quando faccio il mio lavoro. Ma tutto ciò che lo circonda, tutta la menzogna, mi rende stanco. Non solo i manager: ovunque si senta il profumo del denaro, le persone vengono per annusarti. I parassiti sono sempre lì. Io e mia moglie vediamo rapidamente se qualcuno è interessato solo ai soldi”.

CONDIVIDI
Campano di nascita e siciliano d'adozione, classe 93' e passato da terzino destro. Ho successivamente capito che rendo meglio da giornalista che come calciatore.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008