Oggi è la vigilia di Barcellona-Juventus. La sfida si preannuncia spettacolare, com’è scontato aspettarsi da squadre di tale calibro.

I blaugrana, supportati dalla bolgia del Camp Nou, cercheranno di rifarsi dall’ultimo incontro con i bianconeri, che li eliminarono ai quarti di finale della scorsa edizione di Champions League.
A detta di Marc-Andrè ter Stegen, però, non si tratta di vendetta o rivincita. Di questo ed altro ha parlato il portiere olandese del Barcellona, intervenuto in conferenza stampa.

Su Buffon: “E’ un idolo per tutti nel calcio. Molti alla sua età hanno già concluso la carriera, mentre lui resta al top. Ho grande rispetto per Buffon, mi auguro che possa giocare ancora tanti altri anni”.

Su Semedo: “Lo vedo bene. Abbiamo molta velocità sulle fasce anche grazie a lui. Dobbiamo aiutarlo perché si senta subito inserito nella nostra squadra, visto che è un nuovo arrivato”.

Su Dybala erede di Messi: “E’ un giocatore che ha grandi qualità. E’ migliorato ulteriormente e può fare la differenza. Dybala è molto pericoloso, ma siamo pronti ad affrontarlo domani”.

Sulle possibili dimissioni di Bartomeu: “Il Barcellona è un club democratico, i soci possono dire cosa vogliono. Ognuno ha la propria opinione, ma io penso solo al calcio giocato”.

Sulla sua stagione: “E’ un anno interessantissimo per me e per il Barcellona. Si può migliorare sempre ed è quello che cercherò di fare per aiutare la squadra. Ci sono tante cose da fare”.

Sulla Champions: “Vogliamo lottare non solo per la Champions, ma anche per campionato e Coppa. Questo periodo con tante gare ravvicinate non sarà semplice, ma noi siamo pronti”.

Su Dembelé: “Ci vuole un po’ di tempo per ambientarsi, non ci si può inserire in una nuova squadra in pochi giorni. Abbiamo tutti buone sensazioni su di lui, vogliamo farlo sentire a suo agio perché possa esprimere le sue qualità al meglio”.

Sulla rivincita con la Juventus: “Non cerchiamo vendette o rivincite. Lo scorso anno ormai è passato, siamo concentrati sul presente. Vogliamo dimostrare quello che possiamo fare, vogliamo vincere e non guardarci indietro”.

Sul nuovo Barcellona: “Siamo cambiati un po’ con le idee del nuovo allenatore Valverde. Ci approcciamo alla partita in un altro modo, abbiamo una squadra capace di cambiare volto in qualsiasi momento”.

Sulle sensazioni della squadra: “Se vinci tre partite senza prendere gol e segni nove centri, inizi la Champions con buone sensazioni. Anche se sappiamo che non sarà facile contro la Juve, vogliamo vincere”.

CONDIVIDI
Ho 22 anni e nella vita studio, per l'esattezza frequento la facoltà di Culture digitali e della Comunicazione alla Federico II di Napoli. Sogno di vivere un giorno grazie al giornalismo sportivo. Amo la musica e suono la chitarra da circa dieci anni. Redattore anche di IamNaples.it

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008