E’ ancora avvolto nel mistero il futuro dell’Avellino, club che nella giornata di ieri è stato temporaneamente escluso dal prossimo campionato di Serie B dal COVISOC a causa della fideiussione di 800mila euro presentata dal presidente Walter Taccone giudicata non congrua.
Sentenza da considerare momentanea dal momento in cui il club campano ha ancora un ultimo jolly da giocare, ovvero la carta del ricorso, da presentare però entro lunedì prossimo. A tal proposito, ha parlato proprio il patron degli irpini Taccone, come riportato dalla Gazzetta dello Sport: Sono certo che verremo riammessi dopo il ricorso che presenteremo”.
Ancora Taccone: “La decisione della COVISOC è basata su un vizio di forma che verrà sanato dal ricorso che presenteremo al Collegio di garanzia del Coni“. 
CONDIVIDI
Classe 1998, studio Lettere Moderne. Da sempre dipendente dal calcio e dall'Inter.