Diego Simeone, tecnico dell’Atletico Madrid, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida con la Roma, valida per la prima giornata della fase a gironi della Champions League:

“Nessun complesso di inferiorità, ognuno poi ha la propria opinione. Noi, Roma e Chelsea abbiamo tutte le stesse possibilità, abbiamo tutti delle rose complete. Dobbiamo pensare a fare il nostro gioco e fare quello che ci emoziona”.

La Champions League cos’è per lei?
“Una grandissima competizione”.

Da ex laziale affrontare la Roma da allenatore è una cosa particolare?
“Non dobbiamo mischiare le emozioni. Ho rispetto della Roma e ricordo con piacere il mio passato alla Lazio. Ora parlo poco, guardo solo al gioco della Roma che è ottimo. Ha giocatori veloci e un centrocampo tecnico e forte. Penso solo a questo”.

Fresco di rinnovo, per lei l’Atletico è una seconda pelle?
“Nell’ultima giornata di campionato ho parlato con i tifosi dicendo che credo nel futuro del club. Abbiamo gente giovane e gente con esperienza. Abbiamo la possibilità di crescere con il mercato di gennaio. Abbiamo uno stadio nuovo, tutte cose positive che mi fanno rimanere. La sfida continua perché vedo che c’è vita e energia all’Atletico Madrid”.

E’ questa con la Roma la sfida più importante per voi?
“Sapete come è questa competizione così bella, è molto importante. Ci è già capitato di perdere la prima e poi rifarsi. Nel calcio si dice che la partita più importante è quella successiva. La Roma è una grande squadra, gioca molto bene e può fare davvero un ottimo torneo”.

Le due finali perse rimangono un orgoglio o sono un rammarico?
“E’ un orgoglio arrivare in finale, vincerla sarebbe il massimo. Una l’abbiamo persa a due minuti dalla fine, l’altra ai rigori. Siamo arrivati al massimo delle nostre possibilità. E’ stata una grandissima esperienza, però è chiaro che questi traguardi sono importanti per continuare, continuando su questa strada prima o poi la vittoria arriverà”. Riporta Tuttomercatoweb.com.

CONDIVIDI