#AtalantaUdinese 2-0 – Alla Dea bastano Petagna e Masiello: tabellino e pagelle

All’Atleti Azzurri d’Italia va in scena la 30esima giornata di Serie A tra l’Atalanta di Gasperini, orfana di Caldara e Spinazzola e l’Udinese di Oddo, che ha il dovere di rialzarsi dopo 5 sconfitte consecutive. Gli ospiti arrivano senza grandi pretese a questa sfida, avendo 33 punti e occupando la 12esima posizione, lontano dalla zona retrocessione così come dalla lotta per l’Europa League, dove la Dea ha invece ancora molto da dire: a pari punti (44) con la Fiorentina, gli orobici sono settimi, a meno sei dal Milan.

I bianconeri arrivano col centrocampo dimezzato a Bergamo, complici le assenze di Behrami e Fofana oltre allo squalificato Barak, schierando Ingelsson, Balic e Jankto come riferimenti centrali, mentre davanti Perica è preferito a Maxi Lopez. Gasperini a sorpresa si affida a Gollini tra i pali, Castagne al posto di Hateboer e conferma Petagna al fianco del Papu Gomez, con Cristante trequartista al posto dell’acciaccato Ilicic.

ANALISI DELLA PARTITA

Parte subito fortissima l’Atalanta col Papu Gomez che al terzo minuto inaugura il duello con Bizzarri, ma il portiere bianconero si fa trovare pronto. Sette minuti dopo l’argentino è ancora messo a tu per tu con l’estremo difensore da un filtrante perfetto di Cristante su cui Gomez tenta un pallonetto, sventato in calcio d’angolo ancora da Bizzarri. Petagna in due occasioni sfiora il vantaggio su assist del suo capitano, una volta di piede (18′) e una di testa (22′): l’Atalanta è in pieno controllo del match, con l’Udinese che non riesce a respingere le offensive casalinghe. Al 27′ è Freuler a rendersi pericoloso con un colpo di testa che sfiora la porta ospite su calcio d’angolo ancora di Gomez. Mezz’ora di gioco che potrebbe essere lo spartiacque della gara: tiro del 10 argentino rimpallato, palla che arriva a Petagna, il quale svirgola nell’uno contro uno con Bizzarri, favorendo il portiere ex Catania. A un minuto dal termine del primo tempo De Roon ha la palla del vantaggio sui piedi: è un rigore in movimento quello procurato da Gosens per il compagno, che sciupa lanciando oltre la traversa. Le squadre vanno negli spogliatoi sul punteggio di 0-0, nonostante l’Atalanta abbia in più di un’occasione meritato il vantaggio.

Il secondo tempo si apre con un’occasione a tinte bianconere: Perica in contropiede potrebbe servire De Paul per fare male a Gollini, ma l’attaccante rovina in modo maldestro l’occasione, sbagliando il servizio al compagno. Cristante potrebbe far valere la legge del gol sbagliato-gol subito, ma su assist dalla bandierina di, tanto per cambiare, Gomez, di testa non riesce a finalizzare. Al 61′ Gollini si rende protagonista di una grande parata che toglie dall’incrocio il colpo di testa di Danilo. Sei minuti dopo la gara, finalmente, si sblocca: su calcio d’angolo battuto in fretta, Gomez scucchiaia perfettamente per Petagna che da due passi di testa non può sbagliare. Al minuto 69 Cristante potrebbe raddoppiare, ma col destro spedisce di un soffio a lato. La gioia è solo rimandata però, perchè al 74′ Masiello, sempre sugli sviluppi di un calcio d’angolo, ribadisce in rete la respinta della difesa ospite. La gara si avvia pian piano verso la fine, con il ritmo che si abbassa vertiginosamente dopo il raddoppio casalingo. Dopo 3 minuti di recupero Pairetto manda le squadre negli spogliatoi: sesta sconfitta di fila per l’Udinese di Oddo, mentre Gasperini accorcia sul Milan (distante 3 punti), in attesa della sfida dei rossoneri stasera contro la Juventus.

ATALANTA (3-4-1-2): Gollini 6.5; Toloi 6.5, Palomino 6.5, Masiello 6.5; Gosens 6, De Roon 6.5 (92′ Haas sv), Freuler 7, Castagne 6 (45′ Hateboer 6); Cristante 6.5; Petagna 7 (89′ Barrow sv), Gomez 8. All. Gasperini

UDINESE (3-5-2): Bizzarri 6; Stryger Larsen 5.5, Danilo 5, Nuytinck 6; Zampano 5.5, Ingelsson 5, Balic 5.5, Jankto 5.5 (81′ Pontisso sv), Adnan 5.5 (73′ Maxi Lopez 5.5); De Paul 5.5, Perica 5 (81′ Widmer sv). All. Oddo

Arbitro: Pairetto (sez. Nicolino)

Marcatori: 68′ Petagna, 74′ Masiello

Ammoniti: 42′ Nuytinck, 57′ De Paul, 69′ Petagna

TOP 90ESIMO – Gomez 8: l’argentino, nonostante non abbia messo sul tabellino il proprio nome, è stato il vero mattatore di questa gara con un assist al bacio per Petagna e una prestazione che ha messo in grande difficoltà la difesa ospite.

FLOP 90ESIMO – Perica 5: approccio sbagliato alla gara da parte di tutta la formazione bianconera, ma il centravanti croato avrebbe l’occasione di cambiare la gara ad inizio secondo tempo, senza riuscirci: prestazione opaca.

CONDIVIDI
Guardo e studio il calcio da 20 anni con gli occhi di un bambino che vede Ronaldinho in azione per la prima volta.