Al termine del match contro il Parma di D’aversa, l’allenatore dell’Atalanta Gian Piero Gasperini, che ha accorciato le distanze con i crociati in classifica grazie al 3-0 maturato dalle reti di Mancini e Palomino e lo sfortunato autogol di Gagliolo, ha commentato il match ai microfoni di Sky Sport: “Le partite sono tutte difficili ed equilibrate, c’è voluta un po’ di pazienza quest’oggi in una partita che non riuscivamo a sbloccare, poi è andato tutto bene. “

Seconda vittoria consecutiva per gli orobici, dopo il sontuoso 1-5 in casa del Chievo: “Non avevamo difficoltà tattiche neanche prima, abbiamo sempre tirato molto, le occasioni le abbiamo sempre create ma abbiamo passato un momento di scarsa fiducia. I gol non sono mai stati un problema per questa squadra, sin dall’inizio del campionato, dopo l’eliminazione abbiamo avuto un po’ di black out e siamo ripartiti dalle certezze, come Ilicic, dopo averlo recuperato. Questo aiuterà anche i nuovi arrivati.”

Particolarmente in forma Ilicic, autore di una tripletta nello scorso turno e fermato quest’oggi da un super Sepe: “Per noi è un grande giocatore, da oggi in poi ho la possibilità di alternarlo con Gomez centralmente e quando lo abbiamo spostato è arrivato il gol. Con questi due giocatori creiamo tanto. Josip ha avuto una cosa molto strana che gli ha creato tanti problemi, quando è rientrato aveva un po’ di timore ad allenarsi, è una esperienza che lo ha segnato ma è tornato più forte di prima”.

Proprio Gomez è parso spento nelle ultime due uscite, come sottolineato anche dagli spalti su alcuni errori: “Ha sbagliato delle cose che tecnicamente non sbaglia mai, il pubblico forse era più stupito che altro. Questo ruolo gli allunga la carriera, non ha fatto male oggi ma ha sbagliato tanto tecnicamente. Quest’anno ha un attaccamento ancora superiore.”




CONDIVIDI
Guardo e studio il calcio da 20 anni con gli occhi di un bambino che vede Ronaldinho in azione per la prima volta.