Riccardo Orsolini non ha trovato finora grandissimo spazio nell’Atalanta di Gian Piero Gasperini ma l’esterno d’attacco classe ’97 di proprietà della Juventus che si trova a Bergamo in prestito biennale è destinato ad avere un futuro luminoso. Il suo agente, Donato Di Campli, ha parlato del suo futuro in un’intervista concessa a Tuttosport.

Finora poco spazio: “Speravo in un maggiore minutaggio, ma capisco anche Gasperini, che è un bravo allenatore. Riccardo fin qui ha giocato soltanto spezzoni di gara, però tutti positivi: penso al rigore che si è procurato contro il Chievo, al gol che gli hanno annullato con il Crotone e pure con la Fiorentina è entrato bene. Aspettiamo la prima da titolare e penso se lo auguri anche la Juventus, che tiene molto al ragazzo”.

Nessun pentimento: “Il prestito biennale a Bergamo è stato condiviso con i dirigenti bianconeri. In estate Orsolini sarebbe potuto andare ovunque. Sì, è stato a un passo dal prestito al Psv, in Olanda. Pentiti? No, perché l’Atalanta è una squadra importante e l’ambiente per un talento che deve esplodere è ottimo. Orsolini ha tutte le carte in regola per imporsi a Bergamo e sono sicuro che arriverà il suo momento. Poi, ovvio, se Riccardo non dovesse trovare continuità è logico che a gennaio dovremo rivalutare la situazione”.

In due anni alla Juve: “E’ una partita speciale, per lui. Avrebbe tanta voglia di mettersi in mostra, magari sarà l’occasione buona. Bentancur titolare in Champions? Se lo è meritato ed è un bel segnale per tutti i giovani bravi. Ogni ragazzo ha il proprio percorso, i propri tempi di maturazione. Vedrete, in due-tre anni anche Orsolini arriverà alla Juventus. Sono pronto a scommetterci la mia percentuale sul suo contratto e una cena nel ristorante più lussuoso di Montecarlo”.

CONDIVIDI
Di Catania, appassionato di calcio a livello internazionale ma interessato a tutti gli sport, passione per il giornalismo sportivo.