Mancano poco più di ventiquattro ore alla sfida che vale una stagione per il Napoli di Carlo Ancelotti. Gli azzurri vedono nella doppia sfida con l’Arsenal lo snodo cruciale di questa annata, visto che il campionato è ormai in tasca alla Juventus e sono fuori anche dalla Coppa Italia.

La vigilia però è una giornata altrettanto importante perché ad essere protagonisti sono gli allenatori, che “scendono in campo” per la consueta conferenza stampa. Dal canto suo, Unai Emery non si dice affatto favorito ma, anzi, ritiene che col Napoli le possibilità di passare il turno siano pienamente equilibrate: Penso che sia un 50-50. Il Napoli ha una grande storia come noi, è secondo in classifica in campionato. Stanno giocando molto bene, hanno dimostrato di essere competitivi in un girone di Champions League con squadre molto forti. Sarà difficile per noi ma abbiamo fiducia. La nostra idea è quella di vincere e senza concedere gol, ma sappiamo che potrà succedere di subirne. Ci prepariamo ad ogni evenienza al ritorno, tempi supplementari e rigori compresi”.

Il tecnico dei Gunners fa poi il punto sugli infortunati e scioglie gli ultimi dubbi di formazione: Aubameyang ha avuto un piccolo problema, era sotto antibiotici ma ora sta meglio e domani può partire dall’inizio. Valuteremo domani anche le condizioni di Xhaka and Koscielny. Ozil? Dobbiamo pensare alla partita, possiamo raggiungere i nostri obiettivi e fino a qualche mese fa era impensabile. Sappiamo che sarà molto difficile. La cosa migliore per noi è stare uniti, attenti e calmi”.

Parole di profondo rispetto e grande ammirazione per un tecnico come Ancelotti: “Ho grande rispetto per ogni allenatore. Ancelotti credo sia uno dei migliori al mondo. La sua carriera è fantastica. La mia sfida è ogni giorno e ogni anno. Di ciò che ho fatto nel passato mi rimane l’esperienza. Questa partita è un test importante per noi. Sono queste le partite di livello che vogliamo giocare ed il Napoli è una delle migliori squadre della competizione”.

CONDIVIDI
Ho 22 anni e nella vita studio, per l'esattezza frequento la facoltà di Culture digitali e della Comunicazione alla Federico II di Napoli. Sogno di vivere un giorno grazie al giornalismo sportivo. Amo la musica e suono la chitarra da circa dieci anni. Redattore anche di IamNaples.it