Argentina, Sampaoli: “Dybala difficile da inserire, Icardi non si intende con i compagni”

Alla vigilia dell’amichevole tra Argentina e Italia il tecnico della Seleccion Jorge Sampaoli è intervenuto in conferenza stampa. Tanti i temi trattati dal ct dell’albiceleste, a partire dalla mancata convocazione di Icardi e Dybala ed il ritorno di Gonzalo Higuain. Ecco quanto evidenziato da Calciomercato.com:

Sampaoli parte parlando di Dybala: “Paulo è un giocatore che grazie alla sua ‘anarchia’ genera molti punti per la sua squadra e lo ha portato ad essere una delle figure importanti del calcio mondiale. Pensavamo che Dybala fosse uno dei migliori giocatori dell’Argentina. Poi però c’è stato qualche problema. O noi non lo abbiamo saputo valorizzare al meglio o lui non si è saputo adattare alla nostra idea di calcio, che è totalmente differente rispetto a quella della Juventus. Al momento il suo inserimento è complicato. Detto ciò, l’ho convocato sempre, tranne in questo giro, vedremo se c’è qualcuno che dimostrerà di essere migliore di lui”.

L’ex commissario tecnico del Cile si sofferma poi su Icardi: “Mauro era un giocatore che avevamo scelto, ma qualcosa non ha funzionato nella relazione calcistica con i suoi compagni della Nazionale. Non lo scarto, ma dobbiamo focalizzarci sulla relazione fra i migliori calciatori e la Seleccion. Noi non possiamo permetterci di aspettare, dobbiamo forzare un po’ le cose, il tempo per le Nazionali è molto poco, dobbiamo decidere in fretta e in breve termine, tenendo in conto tutti i parametri. Mauro l’altro giorno ha fatto quattro gol, Mauro dimostra tutte le domeniche quello che è, lo abbiamo visto tantissime volte, siamo andati in Europa per vederlo, per questo lo abbiamo scelto. Ma il tempo per ambientarsi nella Nazionale non è il breve termine, magari lo fosse così avremmo più difficoltà nel fare le scelte. Di certo non escludo di convocarlo Mauro, è un giocatore che mi inorgoglisce che sia argentino ma noi dobbiamo anche focalizzarci sulle prestazioni dentro il campo di gioco, tutte cose che ci permettano alla fine di fare la scelta migliore”.

Sulla convocazione di Gonzalo Higuain: “Gonzalo lo vedo come uno dei migliori attaccanti del mondo. Se dimostrerà in partita quanto fatto vedere in allenamento, credo che la potenza offensiva della nostra Nazionale sia immensa”.

Sampaoli non si nasconde e svela l’obiettivo dell’Argentina: “Inutile dire il contrario, siamo una delle candidate alla vittoria del Mondiale. Anche perché Messi gioca con noi. Leo è in un momento di forma strepitoso e anche a livello di maturità è cresciuto molto. Trascina tutti i compagni ed è un punto di riferimento per gli altri”.

Chiosa su Lionel Messi: “Tutto è finalizzato a sfruttarlo al meglio. Avere il migliore è uno stimolo, dobbiamo capire quali siano i giocatori più adatti per farlo rendere al meglio”.