Antonio Cassano, ex giocatore dell’Hellas Verona ed attualmente svincolato, ha espresso il proprio pensiero per quanto riguarda l’attuale momento della serie A nel corso del programma Tiki Taka.

Tra i diversi temi trattati, il talento di Bari ha raccontato anche la propria avventura con la maglia dell’Inter:

“Al momento la dieci dell’Italia è sulle spalle del giocatore italiano più forte: Insigne. E’ un mio grande amico ed è di gran lunga il migliore nel panorama italiano. E’ l’unico in grado di farmi divertire. Sarri è un buon allenatore e i suoi giocatori fanno tanta tattica, è durissima. Allenare i campioni però è diverso. Lui ha un solo gran calciatore, Insigne, poi gli altri sono giocatori normali che si mettono a fare tattica. In un grande club gli dicono di cambiare dopo un po’”.

MERTENS – “Lo scorso anno per la prima volta sei o sette giocatori hanno segnato più di 20 gol, perché la serie A ormai è diventato il quarto-quinto campionato d’Europa. Se vengono Messi e Ronaldo qui ne fanno 150″.

INTER – “Avrei potuto fare molto di più all’Inter, poi sono andato via per il genio di Mazzarri. Era arrivato e aveva scoperto l’acqua calda. Sono andato via a causa sua e m’importa poco, avendo potuto giocare nella mia squadra del cuore, di cui sono tifoso”.

CONDIVIDI
Classe 1994, studia Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Sabino di nascita e napoletano di adozione, coltivo la passione per il calcio e per la scrittura tanto da analizzare tutto ciò che ruota intorno a tale sport. Obiettivi futuri? Descrivere un calcio che unisce e da speranza a tutte le persone, senza differenze tra colori e categorie.