Allan saluta il Napoli: mossa giusta ma tardiva

allan

Dopo 5 stagioni in maglia azzurra Allan è pronto a salutare il Napoli e approdare in Inghilterra, dove a breve diventerà ufficialmente un nuovo giocatore dell’Everton.

La cessione del centrocampista potrà sicuramente recare qualche dispiacere ai tifosi partenopei, tuttavia è logico pensare che la scelta della società sia giusta e probabilmente arrivata con qualche sessione di mercato di ritardo. Ancora non ci sono ufficialità ma il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha confermato che la trattativa è in fase conclusiva e quindi non ha lasciato spazio ad interpretazioni. Allan andrà via dal Napoli, questa volta per davvero.

Bene con Sarri, male dopo

Allan è stato uno dei giocatori più importanti dell’era Sarri, con l’allenatore che ne ha saputo valorizzare il talento rendendolo funzionale per il suo gioco, così come tanti altri giocatori di quel Napoli. Con l’addio di Sarri, passato al Chelsea dopo tre anni in Campania, Allan non è riuscito a confermarsi e le sue prestazioni non sono state all’altezza come lo erano state in precedenza. Non è principalmente questione di allenatori, anche perché Sarri è stato sostituito da Ancelotti che ora sarà di nuovo il suo allenatore.

La corte del PSG andava sfruttata

Dopo diversi anni ad alti livelli a Napoli, oltre all’esperienza positiva all’Udinese, Allan è stato corteggiato a lungo dal PSG, squadra che gli garantiva un progetto più ambizioso oltre ad un ricco stipendio. Il Napoli non ha ceduto Allan nonostante le intenzioni del brasiliano fossero quelle di trasferirsi nel campionato francese accettando le lusinghe parigine, e trattenere il giocatore è stata una mossa che non ha portato grandi frutti.

Allan ha perso molte motivazioni e in campo il rendimento è stato spesso inferiore alle aspettative, senza dimenticare il caos legato all’ammutinamento e alle conseguenti multe a novembre scorso. Se già prima l’idea era di cambiare squadra, possiamo immaginare dopo.

Il guadagno poteva essere maggiore

Il Napoli ha trovato l’accordo con l’Everton sulla base di 25 milioni di euro più 3 di bonus, andando avanti con il tempo difficilmente la società azzurra avrebbe potuto incassare una cifra superiore. Il PSG un anno e mezzo fa era disposta ad offrire una somma importante e decisamente più alta rispetto a quella che il Napoli ricaverà nei prossimi giorni.

Per cui la cessione di Allan è stata una scelta giusta per due motivi prima di tutto. Il giocatore era intenzionato a cambiare squadra ed è corretto assecondarlo, e in seguito l’offerta dell’Everton soddisfa le casse del Napoli. Gli stessi motivi però avrebbero potuto dare più gioia al Napoli nel mercato invernale 2019. Con la cessione di Allan al PSG, la società partenopea avrebbe guadagnato molto di più e poi, tornando al discorso campo, si sarebbe evitato di tenere in rosa un giocatore con poche motivazioni e con l’intenzioni di partire.

Se la cessione fosse arrivata anno scorso sarebbe stato meglio per tutti, anche per lo stesso Allan che avrebbe potuto giocare in una squadra più ambiziosa, con tutto il rispetto per l’Everton. Era inevitabile una sua partenza in questa sessione di mercato, si aspettano notizie in merito all’ufficialità ma colpi di scena non sono previsti. E soprattutto non farebbero bene a nessuno.

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008