Intervistato dai colleghi di Calciomercato.it, il talento dell’Ajax Hakim Ziyech si è espresso in merito alla sfida di ritorno dei quarti di Champions contro la Juventus e sulla possibilità che avrebbe avuto di giocare in Serie A quest’anno con la maglia della Roma.

Dopo Bayern Monaco e Real Madrid avete affrontato un’altra grande squadra come la Juve. Credo che tu abbia iniziato a giocare sognando partite come queste, quale squadra ti ha impressionato di più?
“Ogni ragazzo sogna di prendere parte a gare di questo tipo. Ognuna di queste squadre gioca in maniera differente dall’altra, ma sono tutti e tre dei grandi club”.

L’Ajax ha giocato meglio della Juventus. Credete in un’altra storica impresa a Torino?
“Nel calcio tutto è possibile. Sta a noi dare tutto quello che possiamo e vedere dove ci porterà.Ma ovviamente il sogno è quello di fare la storia”.

E’ stata la tua prima partita ufficiale contro una squadra italiana e i media ti hanno apprezzato. Tu come giudichi la tua prestazione?
“Penso che il mio primo tempo è stato abbastanza buono, il secondo un po’ meno. So che posso fare molto meglio”.

La notte del Santiago Bernabeu è stato il miglior momento della tua carriera?
“Sì, sicuramente è stato uno dei migliori”.

Negli anni hai giocato come mezzala, trequartista e attaccante esterno rendendo sempre bene. Dove preferisci giocare?
“Non ho una posizione preferita vera e propria, per me l’importante è giocare. Al momento mi piace giocare sugli esterni, ma se l’allenatore mi chiedesse di spostarmi al centro, lo farei volentieri”.

L’estate scorsa sei stato molto vicino alla Roma. Molti tifosi ancora ti rimpiangono e chiedono di te sui social. Credi che sia un capitolo chiuso?
“No, non penso”.

Sei ancora in contatto con Justin Kluivert? Ti ha detto qualcosa sul calcio italiano?
“Sì, ci sentiamo regolarmente e sì, abbiamo parlato anche di questo”.

Francia, Germania, Italia, Inghilterra, Spagna… Dove ti piacerebbe giocare se dovessi lasciare l’Ajax?
“Non c’è un campionato dove preferirei giocare. Dipende dal tipo di progetto che il club ha su di me. L’importante per me è continuare a crescere sempre come giocatore”.

CONDIVIDI
Ho 22 anni e nella vita studio, per l'esattezza frequento la facoltà di Culture digitali e della Comunicazione alla Federico II di Napoli. Sogno di vivere un giorno grazie al giornalismo sportivo. Amo la musica e suono la chitarra da circa dieci anni. Redattore anche di IamNaples.it

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008