A parlare a Tiki Taka News è stato Antonio Cassano, ex calciatori di Bari, Roma, Real Madrid, Milan, Inter e Sampdoria.

Queste le sue parole riportate da calciomercato.com: Totti? “Io gli consiglierei di continuare, nessuno si azzardi a dirgli cosa fare. Qualcuno accanto a Pallotta non lo vuole, c’è qualcuno che muove i fili. Mi piacerebbe finire la carriera con lui, ma non so dove. Con lui mi sono divertito, sono convinto che in questa Serie A, se sta bene fisicamente, può fare ancora tanti gol”.

Su Juventus ed Inter: “Sarei felice se la Juventus vincesse la Champions League, soprattutto per Buffon che da tempo la rincorre: merita il Pallone d’Oro, ma finché c’è Messi la vedo dura. Faccio i complimenti alla Juventus e ad Allegri, hanno fatto qualcosa di eccezionale. L’esonero di Pioli? Conosco Stefano, è una fantastica persona. La colpa non è sua, l’Inter è sopravvalutata. Schick? Spero vada all’Inter, mica devo dire che preferisco il Milan per lui”.

Su Balotelli e Milan: “Mario dice che gli amici nel calcio non esistono? Se lui si è offeso è un problema suo, io dico quello che penso. Resta un grande giocatore, oltre che un bravo ragazzo. Il Milan di quest’anno? Montella è da dieci, sta facendo un lavoro eccezionale con una squadra di scappati di casa, ai miei tempi certi giocatori non si sarebbero neppure potuti cambiare fuori da Milanello. Ora sono sesti in classifica e hanno pure vinto una Supercoppa italiana. Lo staff medico mi aiutò tanto quando ho visto la morte con gli occhi, da quel momento sono cambiato, poi nacque anche mio figlio”.

Sul suo passato al Bari e al Real Madrid: “A Bari facevo sempre casino. Ai tempi mi hanno tolto pure una macchina perché guidavo col foglio rosa. Al Real feci tanti danni… Facevo solo serate. L’imitazione di Capello? Non è vero che lo stavo imitando, intorno a me c’erano i suoi uomini. A casa ho venti Tapiri d’Oro, vuol dire che mi premiamo per tutte le cazz*** che ho fatto”.

Sul suo futuro: “Non capisco niente della pallanuoto, seguo solo la squadra di Carolina: è molto forte. Quando fa gol la applaudo, ma in questo periodo spesso perdono. Qualche volta le dico cosa scrivere sui social per attaccare qualcuno. A giocare a calcio è quasi più brava di me. Io geloso? Sì, parecchio, lo sono anche di suo papà. Futuro? Ho avuto proposte da Emirati Arabi Uniti e Cina, ma il calcio vero è in Europa e io voglio restare vicino a casa mia”.

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista dal 2017, tifoso del Milan dal 1996. Nato a Catania, studia giurisprudenza e ama scrivere di calcio ed attualità. Ha pubblicato un libro dal titolo "CircoStanze" con la casa editrice "Prova d'Autore".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008